SENS

Shakespeare’s Narrative Sources: Italian Novellas and Their European Dissemination

Da Porto - Modernised - 1539

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

5

 

 

 

10

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

5

 

 

 

 

10

 

 

 

 

 

15

 

 

 

 

20

 

 

 

 

25

 

 

 

 

30

 

 

 

 

35

 

 

 

 

40

 

 

 

 

45

 

 

 

 

50

 

 

 

 

55

 

 

 

 

60

 

 

 

 

 

 

 

 

 

5

 

 

 

 

10

 

 

 

 

15

 

 

 

 

20

 

 

 

 

25

 

 

 

 

30

 

 

 

 

35

 

 

 

 

40

 

 

 

 

45

 

 

 

 

50

 

 

 

 

55

 

 

 

 

60

 

 

 

 

65

 

 

 

 

70

 

 

 

 

75

 

 

 

 

80

 

 

 

 

85

 

 

 

 

90

 

 

 

 

95

 

 

 

 

100

 

 

 

 

105

 

 

 

 

110

 

 

 

 

115

 

 

 

 

120

 

 

 

 

125

 

 

 

 

130

 

 

 

 

135

 

 

 

 

140

 

 

 

 

145

 

 

 

 

150

 

 

 

 

155

 

 

 

 

160

 

 

 

 

165

 

 

 

 

170

 

 

 

 

175

 

 

 

 

180

 

 

 

 

185

 

 

 

 

190

 

 

 

 

195

 

 

 

 

200

 

 

 

 

205

 

 

 

 

210

 

 

 

 

215

 

 

 

 

220

 

 

 

 

225

 

 

 

 

230

 

 

 

 

235

 

 

 

 

240

 

 

 

 

245

 

 

 

 

250

 

 

 

 

255

 

 

 

 

260

 

 

 

 

265

 

 

 

 

270

 

 

 

 

275

 

 

 

 

280

 

 

 

 

285

 

 

 

 

290

 

 

 

 

295

 

 

 

 

300

 

 

 

 

305

 

 

 

 

310

 

 

 

 

315

 

 

 

 

320

 

 

 

 

325

 

 

 

 

330

 

 

 

 

335

 

 

 

 

340

 

 

 

 

345

 

 

 

 

350

 

 

 

 

355

 

 

 

 

360

 

 

 

 

365

 

 

 

 

370

 

 

 

 

375

 

 

 

 

380

 

 

 

 

385

 

 

 

 

390

 

 

 

 

395

 

 

 

 

400

 

 

 

 

405

 

 

 

 

410

 

 

 

 

415

 

 

 

 

420

 

 

 

 

425

 

 

 

 

430

 

 

 

 

435

 

 

 

 

440

 

 

 

 

445

 

 

 

 

450

 

 

 

 

455

 

 

 

 

460

 

 

 

 

465

 

 

 

 

470

 

 

 

 

475

 

 

 

 

480

 

 

 

 

485

 

 

 

 

490

 

 

 

 

495

 

 

 

 

500

 

 

 

 

505

 

 

 

 

510

 

 

 

 

515

 

 

 

 

520

 

 

 

 

525

 

 

 

 

530

 

 

 

 

535

 

 

 

 

540

 

 

 

 

545

 

 

 

 

550

 

 

 

 

555

 

 

 

 

560

 

 

 

 

565

 

 

 

 

570

 

 

 

 

575

 

 

 

 

580

 

 

 

 

585

 

 

 

 

590

 

 

 

 

595

 

 

 

 

600

 

 

 

 

605

 

 

 

 

610

 

 

 

 

615

 

 

 

 

620

 

 

 

 

625

 

 

 

 

630

 

 

 

 

635

 

 

 

 

640

 

 

 

 

645

 

 

 

 

650

 

 

 

 

655

 

 

 

 

660

 

 

 

 

665

 

 

 

 

670

 

 

 

 

675

 

 

 

 

680

 

 

 

 

685

 

 

 

 

690

 

 

 

 

695

 

 

 

 

700

 

 

 

 

705

 

 

 

 

710

 

 

 

 

715

 

 

 

 

720

 

 

 

 

725

 

 

 

 

730

 

 

 

 

735

 

 

 

 

740

 

 

 

 

745

 

 

 

 

750

 

 

 

 

755

 

 

 

 

760

 

 

 

 

765

 

 

 

 

770

 

 

 

 

775

 

 

 

 

780

 

 

 

 

785

 

 

 

 

790

 

 

 

 

795

 

 

 

 

800

 

 

RIME E PROSA DI MESSER LUIGI DA PORTO.

DEDICATE AL REVERENDISSIMO CARDINAL BEMBO.

 

MDXXXIX.

 

CON PRIVILEGIO.

 

 

RIME E PROSA DI MESSER LUIGI DA PORTO: il quale essendo

bellissimo e animosissimo giovane per lo suo valore

conddottier de’ Signori Veneziani, combattendo per loro nel

Frigoli co’ nimici Tedeschi, fu ferito di maniera che ne

rimase prima perduto della persona per un tempo e poi

zoppo e debole mentre e visse. Per la qual cagione si rivolse

dalle arme alle lettere e alla volgar poesia: onde ne nacquero

questi frutti, che Messer Bernardin Da Porto, suo fratello,

appresso la morte di lui raccolti.

      Visse Messer Luigi anni quarantatre, e mesi nove: e

morì in Vicenza sua patria il dì decimo di Maggio MDXXIX.

 

 

 

LA GIULIETTA DI MESSER LUIGI DA PORTO

 

A MADONNA LUCINA SAVORGNANA, LUIGI DA PORTO

 

Poscia che io già sono assai giorni passati con voi parlando

dissi, di volere una compassionevole novella da me già

udita, e in Verona intervenuta scrivere, m’è paruto esser mio

debito in queste poche carte di stenderlavi. Sì perché le mie

parole appo voi non paressero vane, sì anco perché a me,

che misero sono, ragionar de’ casi de’ miseri amanti, di che

ella è piena, s’appertiene, e appresso al vostro valore

indrizzarla, accioché possiate leggendola chiaramente

vedere a quai rischi, a quai trabocchevoli passi, a quai

crudelissime morti, i miseri e cattivelli amanti sieno il più

delle volte d’amore condotti. E anco volentieri a voi la

mando, acciò che dovendo per aventura ella essere l’ultimo

mio lavorio in questa arte, in voi lo scrivere mio finisca, e

come sete porto d’ogni valore, e d’ogni virtù, così della

picciola barchetta del mio ingegno ancor siate, la quale carca

di molti e varii disiri d’amore, sospinta per gli men profondi

pelaghi de la poesia ha molto fino a qui solcato; e acciò che

ella a voi giungendo possa ad altri, che più felicemente e con

meglior stella nel già detto mare navighi, e timone e remi e

vela donando, disarmata sicuramente alle vostre rive legarsi.

      Prendetela adunque madonna ne l’abito a lei

conveneuole, nel quale ella è, e leggetela volentieri, sì per lo

suggetto, che pieno di pietate mi par che sia, come anco per

lo stretto vincolo di parentado e di dolce amistà; che tra la

leggiadra persona vostra e chi la scrive si ritrova.

      Dico adunque, che sì come voi stessa vedeste, mentre il

Cielo contra me in tutto ogni suo sdegno rivolto non ebbe, nel

principio della mia giovanezza all’arte dell’arme mi diedi, e in

quella molti grandi e valorosi uomini seguitando, nella

dilettevole vostra patria del Frigoli alcun tempo mi

essercitai, per la quale quando publicamente, e quando

privatamente or qua or là m’era bisogno d’andare, aveva

io per continuo uso cavalcando di menar sempre meco tra

gli altri un mio arciere veronese, uomo di forse

cinquant’anni, pratico nel mestiere, e piacevolissimo, e (come

quasi tutti i Veronesi sono) bellissimo favellatore, chiamato

Pellegrino. Questi, oltre che animoso, e esperto soldato fosse,

leggiadro era, e forse più di quello che agli anni suoi si

sarebbe convenuto, innamorato sempre; il che al suo valore

doppio valore aggiugnea. Onde egli le più belle novelle, e

con migliore ordine e grazia si dilettava di raccontare, e

massimamente quelle, che d’amore trattavano, che alcuno

altro, che io udissi giamai.

      Per la qual cosa partendo io da Gradisca, ove in

alloggiamento mi stava, e con costui e due altri miei, forse

d’amore sospinto, verso Udine venendone, la qual strada

molto solinga in quel tempo e tutta per la guerra arsa e

distrutta era, e molto dal pensiero soprapreso e lontano da

gli altri venendomi, accostatomisi il detto Pellegrino, come

colui che i miei pensieri s’indovinava, così mi disse: “Volete

voi sempre in trista vita vivere, perché una bella crudele

altrimenti mostrando poco v’ami? E benché io contro me

spesso dica, pur perché meglio si danno, che non si ritengono

i buon consigli, vi dirò patron mio, che oltre che a voi

nell’essercizio che sète, lo entrar molto nella prigion

d’amore si disdica. Sì tristi son quasi tutti e fini, a quali egli ci

conduce, che è un pericolo il seguitarlo, e in testimonianza di

ciò, quando a voi piacesse, potre’ io una novella nella mia

città avenuta, che la via men soletaria e men rincrescevole ci

farebbe, raccontarvi, nella quale sentireste come due nobili

amanti d’amore a misera e piatosa morte guidati fossero”. E

già avendo io fatto segno di doverlo udire volentieri, egli così

incominciò.

 

NOVELLA.

 

Nel tempo che Bartolomeo dalla Scala Signore cortese e

umanissimo il freno alla mia bella patria, e stringeva e

rallentava, furono in lei (secondo che il mio padre diceva

aver udito) due nobilissime famiglie, per contraria fazione,

over per particolare odio tra sé, nimiche, l’una i Montecchi, e

l’altra i Cappelletti nomata. Dell’una delle quali si crede certo

essere questi, che ora in Udine dimorano, cioè Messer Nicolò,

e Messer Giovanni ora detti Monticoli, di Verona per strano

caso quivi venuti ad abitare, benché poco altro di quello de

gli antichi seco abbiano in questo luogo recato, fuor che la lor

cortese gentilezza, e avegna che io alcune vecchie cose

leggendo abbia trovato, come queste due famiglie unite

cacciarono Azzo da Esti governator della detta terra, che col

favor de san Bonifaci poscia vi ritornò, nondimeno, sì come io

le udii, senza altramente mutarla a voi la sporrò.

            Furono adunque come io dico in Verona sotto il già

detto Signore le sopradette famiglie, di valorosi uomini e di

ricchezza ugualmente dal Cielo e dalla fortuna dotate. Tra le

quali, come il più delle volte tra le gran case si vede avenire,

checché la cagione se ne fosse, crudelissima nimistà regnava.

Per la quale già più uomini erano così dell’una come dell’altra

morti, in guisa che tra per istanchezza e per le minaccie del

Signore, che con dispiacere grandissimo le vedeva nimiche,

di farsi più male ritratte s’erano, e senza altra pace col tempo

in modo domesticate, che gran parte de loro uomini insieme

parlavano.

      Essendo così costoro quasi rappacificati, avenne un

Carnasciale che in casa di Messere Antonio Cappelletti uomo

festoso e piacevolissimo, il quale il primo della famiglia era,

molte feste si fecero e di giorno e di notte, ove quasi tutta la

città concorreva. Ad una delle quali una notte, come è degli

amanti costume, che le lor donne, sì come col cuore così anco

col corpo (pur che possano), ovunque vanno seguono, un

giovane de Montecchi una sua crudel donna seguendo si

condusse. Era costui giovane molto, e bellissimo e grande

della persona, leggiadro e accostumato assai, perché, trattasi

la maschera, come ogni altro faceva, e in abito di donna

trovandosi, non fu quivi occhio, che a rimirarlo non si

rivolgesse, sì per la sua bellezza, che quella di qualunque

bella donna, che quivi fosse, aguagliava, e sì per maraviglia,

che in quella casa (massimamente la notte) venuto fosse.

      Ma con più efficacia che ad alcuno altro, ad una figliuola

del detto Messere Antonio venne veduto, che egli sola aveva,

e la quale bellissima e baldanzosa e leggiadrissima era. Costei

veduto il giovane con tanta forza nell’animo la sua bellezza

ricevette che al primo incontro de loro occhi di più non esser

di sé medesima le parve.

      Stavasi costui in riposta parte della festa con poca

baldanza tutto solo, e rade volte in ballo, o in parlamento

alcuno si trametteva, come quegli, che d’amore guidatovi

con molto sospetto vi stava, il che alla giovane forte doleva:

percioché piacevolissimo udiva che egli era, e grazioso. e

passando la mezzanotte, e il fine del festeggiare venendo, il

ballo del torchio, o del cappello, come dire il vogliamo, e che

tutto di nella fine delle feste veggiamo usare, s’incominciò.

Nel quale in cerchio standosi l’uomo la donna, e la donna

l’uomo, a sua voglia permutando si piglia. In questa danza

d’alcuna donna fu il giovane levato, il quale dapoi a caso

presso la già innamorata fanciulla s’andò a porre. Era

dall’altro canto di lei un nobil giovane Marcuccio guercio

nominato, il quale per natura così il luglio, come il genaio, le

mani sempre fredissime aveva, perché giunto Romeo

Montecchi (che così era il giovane nomato) al manco lato

della donna, e come in tal ballo s’usa di fare la bella sua mano

in man presa, disse a lui quasi di subito la giovane, forse vaga

di udirlo favellare: “Sia benedetta la vostra venuta qui presso

me, Messer Romeo”; alla quale il giovane, che già del suo

mirare accorto s’era, maravigliato del parlar di lei disse:

“Come madonna benedetta la mia venuta?” e ella rispose: “Sì,

benedetto il vostro venire qui appo me, percioché voi almen

questa sinistra mano calda mi terrete, là dove Marcuccio la

destra m’agghiaccia”. Costui preso alquanto d’ardire seguì:

“Se io a voi con la mia mano la vostra riscaldo; voi co be’

vostri occhi il mio cuore accendete”. La donna dopo un brieve

sorriso schifando d’esser con lui veduta, o udita ragionare

ancor gli disse: “Io vi giuro la mia fede Romeo, che non è qui

donna, la quale a gli occhi mei bella paia, quanto voi”, il

giovane già tutto di lei acceso rispose: “Quale io mi sia sarò

alla vostra bellezza se a quella non spiacerà, sempre fedel

servo”.

      Lasciato poco appresso il festeggiare, e tornato Romeo

alla sua casa, considerata la crudeltà della primiera sua

donna, che di molto languire poca mercede gli donava,

deliberò quando a costei ciò fosse in grado, quantunque de

suoi nimici discesa, tutto donarsi. Dall’altro canto poco ad

altro che a lui sempre pensando la giovane, dopo molti

sospiri tra sé istimò lei dover sempre felice essere se costui

per isposo aver potesse. Ma per la nimistà, che tra l’una e

l’altra casa era, con molta paura poca speme di giungere a sì

lieto grado teneva, onde fra due pensieri di continuo vivendo

a sé stessa più volte disse: “O sciocca me a qual vaghezza mi

lascio io in così strano labirinto guidare, ove senza scorta

restando, uscire a mia posta non ne potrò? Già che Romeo

Montecchi non m’ama, percioché per la nimistà che ha co’

miei, altro che la mia uergogna non può cercare, e posto che

per isposa egli me volesse, il padre mio di darglimi non

consentirà già mai.” Dapoi nell’altro pensiero venendo

diceva: “Chi sa? Forse che per meglio rappacificarsi insieme

queste due case che già stanche e sazie sono di farsi tra lor

più guerra, mi potrebbe ancora venir fatto d’averlo in quella

guisa, che io lo disidero”. E in questo fermatasi cominciò

essergli d’alcun guardo cortese.

      Accesi dunque i due amanti di ugual fuoco, l’un dell’altro il

bel nome e la effigie nel petto scolpita portando dier

principio, quando in chiesa, quando a qualche finestra, a

vagheggiarsi intanto, che mai bene ne l’uno ne l’altro haveva,

se non quanto si vedevano. Ed egli massimamente, sì de’

vaghi costumi di lei acceso si ritrovava, che quasi tutta la

notte con grandissimo pericolo della sua vita, se stato vi

fosse trovato, dinanzi alla casa dell’amata donna solo si stava,

 e ora sopra la finestra della sua camera per forza tiratosi, ivi

senza che ella o altri il sapesse, ad udirla parlare si sedeva, e

ora sopra la strada giaceva.

      Avenne una notte, come Amor volle, la luna più del solito

rilucendo, che mentre Romeo era per salire sopra il detto

balcone, la giovane (o che ciò a caso fosse, o che l’altre

 sere sentito l’avesse) ad aprire quella fenestra venne, e

 fattasi fuori il vide, il quale credendo, che non ella, ma

qualche altro il balcone aprisse, nell’ombra d’alcun muro

fuggir voleva. Onde ella conosciutolo, e per nome chiamatolo

 gli disse: “Che fate qui a questa otta così solo?” Ed egli

 già racconosciuta avendola rispose: “Quello che amor vuole.”

“E se voi ci foste colto”, disse la donna, “non potreste

 voi morirci di leggiero?” “Madonna” rispose Romeo “sì ben

che io vi potrei agevolmente morire, e ci morrò di certo una

notte, se voi non m’aitate. Ma percioché io sono ancora in

ogni altro luogo così presso alla morte, come qui, procaccio

di morir più vicino alla persona vostra, che io possa, con la

qual di viver sempre bramerei, quando al Cielo e a voi

piacesse”. Alle quai parole la giovane rispose: “Da me non

rimarrà mai, che voi meco onestamente non viviate, non

restasse egli più da voi, o dalla nimistà che tra la vostra e la

mia casa veggo”. A cui il giovane disse: “Voi potete credere,

che più non si possa bramar cosa di quello, che io voi di

continuo bramo, e perciò quando a voi sola piaccia di essere

così mia, come io d’esser vostro disidero, io il farò volentieri,

né temo che alcun mi vi tolga già mai”. E detto questo, messo

ordine di parlarsi un’altra notte con più riposo, ciascun del

luogo ove era si dipartì.

      Dapoi andato il giovane più volte per parlarle, una sera

che molta neve cadeva, all’usato luogo la ritrovò, e dissele:

“Deh perché mi fate languire? non vi stringe pietà di me, che

tutte notti in così fatti tempi sopra questa strada v’aspetto?”

Al quale la donna disse: “Certo sì, che voi mi fate pietà, ma

che vorreste che io facessi se non pregarvi che ve ne

andaste?” Alla qual fu dal giovane risposto: “Che voi mi

lasciaste nella camera vostra entrare; ove potremmo più

agiatamente parlare insieme”. Allora la bella donna quasi

sdegnando disse: “Romeo io tanto v’amo, quanto si possa

persona lecitamente amare; e più vi concedo, di quel che alla

mia onestà non si converrebbe, e questo fo io d’amore col

valor vostro vinta. Ma se voi pensaste o per lungo

vagheggiarmi, o per altro modo, più oltre come innamorato,

dell’amor mio godere, questo pensiero in tutto lasciate da

parte, che alla fine in tutto vano il trovarete. e per non

tenervi più ne pericoli, ne’ quali veggo essere la vita vostra

venendo ogni notte per queste contrade, vi dico che quando a

voi piaccia d’accettarmi per vostra donna che io son presta a

darmivi tutta; e con voi in ogni luogo, che vi sia in piacere,

senza alcun rispetto venire”. “Questo solo bramo io”, disse il

giovane: “facciasi ora”. “Facciasi” rispose la donna: “ma

rifacciamolo poscia nella presenza di frate Lorenzo da San

Francesco mio confessore, se volete che io in tutto e contenta

mi vi dia”. “O”, disse a lei Romeo, “dunque frate Lorenzo da

Reggio è quel, che ogni secreto del cuore vostro sa?” “Sì”,

disse ella, “e serbisi per mia sodisfazione a fare ogni nostra

cosa dinanzi a lui”. E quivi, posto discreto modo alle lor cose,

l’un dall’altro si dipartì.

      Era questo frate dell’ordine minore filosofo grande e

scienziato di molte cose, così naturali come magiche, e in

tanta amistà con Romeo era che la più stretta forse in que’

tempi tra due non si sarebbe ritrovata. Percioché volendo il

frate ad un tratto e in buona openione del sciocco volgo

essere, e di qualche suo diletto fruire, gli era convenuto per

forza d’alcun gentile uomo della città fidarsi; tra quali egli

questo Romeo giovane temuto, animoso e prudente aveva

eletto. E a lui il suo cuore, che a tutti gli altri fingendo teneva

celato, nudo scoperto aveva. Perché trovatolo, Romeo

liberamente gli disse come egli desiderava d’avere l’amata

giovane per donna; e che insieme avevano constituito lui

solo dovere essere secreto testimonio delle lor nozze, e

poscia mezzano a dover fare, che ’l padre di lei a questo

d’accordo consentisse. Il frate di ciò contento fu, sì perché a

Romeo niuna cosa arebbe senza suo gran danno potuta

negare, sì anco perché pensava che forse per mezzo suo

sarebbe questa cosa a bene succeduta, il che a lui di molto

onore arebbe dato appo il Signore e ogni altro che avesse

disiderato queste due case vedere in pace.

      Ed essendo la quaresima la giovane un giorno, fingendo di

volersi confessare, al monisterio di San Francesco andata, e

in un di que’ confessori, che tali frati e massimamente gli

osservanti ancora usano, entrata, fece frate Lorenzo

dimandare. Il quale, ivi sentendola, per di dentro al convento

insieme con Romeo nel medesimo confessoro entrato, e

serrato l’uscio, una lama di ferro tutta forata, che tra la

giovane ed essi era, levata via, disse a lei: “Io vi soglio sempre

veder volentieri figliuola, ma or più che mai qui cara mi sète:

se così è, che il mio Messer Romeo per vostro marito

vogliate”. Al quale ella rispose: “Niuna altra cosa più disidero,

che d’esser legitimamente sua, e perciò sono io qui dinanzi

al conspetto vostro venuta, del qual molto mi fido, accioché

voi insieme con Iddio a quello, che d’amore astretta vengo a

fare, testimonio siate”.

     Allora in presenza del frate, che ’l tutto in confessione

diceva accettare, per parola di presente Romeo la bella

giovane sposò, e dato tra loro ordine d’esser la sequente

notte insieme, basciatisi una sola volta, dal frate si

dipartirono, il qual rimessa nel muro la sua rete, ad altre

donne confessare si rimase.

      Divenuti i due amanti nella guisa, che udito avete,

secretamente marito e moglie, più notti del loro amore

felicemente goderono, aspettando col tempo di trovar modo,

per lo quale il padre della donna, che a lor disiderii contrario

essere sapevano, si potesse placare.

      E così stando intervenne che la fortuna, d’ogni mondano

diletto nimica, non so qual malvagio seme spargendo, fece tra

le lor case la già quasi morta nimistà rinverdire in modo che

più giorni le cose sotto sopra andando né Montecchi a

Cappelletti, né Cappelletti a Montecchi ceder uolendo, nella

via del corso s’attaccarono, una volta insieme. Ove

combattendo Romeo, e alla sua donna rispetto avendo, di

percuotere alcun della sua casa si guardava; pure alla fine

essendo molti de suoi feriti, e quasi tutti della strada cacciati,

vinto dall’ira sopra Tebaldo Cappelletti corso, che il più fiero

de suoi nemici pareva, d’un sol colpo morto il distese, e gli

altri, che già per la morte di costui erano come smarriti, in

grandissima fuga rivolse.

     Era già stato Romeo veduto ferire Tebaldo in modo che

l’omicidio celare non si poteva, onde data la querela

dinanzi al Signore, ciascun de Cappelletti solamente sopra

Romeo gridava. Perché dalla Giustizia, di Verona in perpetuo

bandito fu.

     Or di qual core queste cose udendo la misera giovane

divenisse, ciascuna, che bene ami, nel suo caso col pensier

ponendosi il può di leggieri considerare. Ella di continuo si

forte piagnea, che niun la poteva racconsolare, e tanto era

più acerbo il suo dolore, quanto meno con persona alcuna il

suo male scoprire ardiva.

     Dall’altra parte al giovane solo per rispetto della donna

il partirsi della sua patria gravava, né volendosene per cosa

alcuna partire senza torre da lei commiato, e in casa sua

andare non potendo, al frate ricorse, al quale che ella venir

dovesse, per un servo del suo padre molto amico di Romeo fu

fatto sapere: ed ella vi si condusse. E andati amendue nel

confessoro assai la lor sciagura insieme piansero, pure alla

fine disse ella a lui: “Che farò io senza di voi? Di più poter

vivere non mi dà il cuore. Meglio sarebbe che io con voi

ovunque ve ne andaste, mi venissi. Io mi accorcierò queste

chiome, e come servo vi verrò dietro, né da altro meglio o più

fedelmente, che da me, potrete esser servito”. “Non piaccia a

Dio anima mia cara, che quando meco venir doveste, in altra

guisa che in luogo di mia Donna vi menassi”, disse a lei

Romeo. “Ma percioché io son certo che le cose non possano

lungamente in questo modo stare, anzi che la pace tra nostri

abbia a seguire, onde ancora io la grazia del Signore di

leggieri impetrarei, intendo che voi senza me per alcun

giorno vi restiate, e posto che le cose secondo che io diviso

non succedessero, altro partito al viver nostro si prenderà”. E

questo deliberato tra loro, abbracciatisi, e basciatisi mille

volte, la donna ciascun di lor piagnendo si dipartì,

pregandolo assai, che più vicino, che egli potesse, le volesse

stare, e non a Roma o a Firenze, come detto aveva,

andarsene.

     Ivi a pochi giorni Romeo, che nel monistero di frate

Lorenzo era fino allora stato nascosto, si dipartì, e a Mantova

come morto si ridusse, avendo primieramente detto al servo

de la donna, che ciò che di lui intorno al fatto di lei in casa sua

udisse, al frate facesse di subito intendere, e ogni cosa

operasse di quel che la giovane gli comandasse con vera fede,

se il rimanente del guiderdone promessogli disiderava

d’avere.

     Partito di molti giorni Romeo, e la giovane sempre

lagrimosa mostrandosi, il che la sua gran bellezza faceva

mancare, le fu più fiate dalla madre, che teneramente

l’amava, con lusinghevol parole addimandato, qual fosse di

questo suo pianto la cagione, dicendole: “O figliuola mia da

me al pari della mia vita amata, qual doglia da poco in qua ti

tormenta? Onde è, che tu in brieve spazio senza pianto non

istai; che sempre si lieta esser solevi? Se forse alcuna cosa

brami, falla a me sola palese: che di tutto, purché lecito sia, ti

farò consolata”. Nondimeno sempre deboli ragioni di tal

pianto dalla giovane rendute le furono.

      Onde, pensando la madre, che in lei vivesse disio d’aver

marito, il quale per vergogna, o per tema, tenuto celato, il suo

pianto generasse, un giorno credendo la salute della figliuola

cercare, e la morte procacciandole, col marito disse:

“Messere Antonio io veggo già molti giorni questa nostra

fanciulla sempre piagnere in modo che ella (come voi potete

vedere) quella, che esser soleva, più non pare, e avenga che

io molto l’abbia della cagion del suo pianto essaminata, onde

egli venga, da lei perciò ritrarre non posso, né da che

proceda, sapere io da me stessa dire, se forse per voglia di

maritarsi, la qual, come saggia fanciulla, non osasse far

palese, ciò non avenisse. Onde, prima che ella più si

consumasse, direi che fosse buono darle marito, che ogni

modo ella diciotto anni, questa santa Eufemia fornì, e le

donne, come questi anni di molto trappassano, perdono più

tosto che no, della loro bellezza. Oltra che elle non sono

mercatanzia da tener molto in casa, quantunque io la nostra

in veruno atto veramente non conoscessi mai altro, che

onestissima. La dote so io che avete già più di apparecchiata,

veggiamo dunque di darle condecevole marito”. Messer

Antonio rispose, che sarìa ben fatto il maritarla. E commendò

molto la figliuola, che avendo questo disio, volesse prima fra

sé stessa affligersene, che a lui, o alla madre richiesta farne, e

fra pochi dì cominciò con un de conti da Lodrone trattar le

nozze, e già quasi per conchiuderle essendo, la madre

credendo alla figliuola grandissimo piacer fare le disse:

“Rallegrati oggimai figliuola mia, che non guari di tempo

passerà, che tu sarai ad un gentiluomo degnamente maritata,

e cesserà la cagion del tuo pianto, la quale avenga che tu non

m’abbia voluto dire; pur per grazia di Dio l’ho compresa, e

così col tuo padre ho io operato, che sarai contenta”. Alle quai

parole la bella giovane non potè ritenere il pianto, onde la

madre a lei disse: “Credi che io ti dica bugia? Non passaranno

otto giorni, che tu serai d’un bel donzello della casa di

Lodrone moglie”. La giovane a questo parlare più forte

raddoppiava il pianto, perché la madre lusingandola disse:

“Dunque figliuola mia non sarai contenta?” Alla quale ella

rispose: “Mai no madre, che io non ne sarò contenta”. A

questo soggiunse la madre: “Che vorresti dunque? Dillo a me,

che ad ogni cosa per te disposta sono”. Disse allor la giovane:

“Morir vorrei, e non altro”. In questo dire Madonna Giovanna

(che così era la madre nomata) la qual savia donna era,

comprese la figliuola d’amore essere accesa, e rispostole non

so che da lei si separò. E la sera venuto il marito, gli narrò ciò

che la figliuola piangendo risposto l’aveva, il che molto gli

spiacque, e pensò che fosse ben fatto, prima che più innanzi

le nozze di lei si trattassero, accioché in qualche vergogna

non si cadesse, d’intender d’intorno a questo qual fosse la

openione sua, e fattalasi un giorno venire innanzi le disse:

“Giulietta” (che così era della giovane il nome) “io son per

nobilmente maritarti, non ne sarai contenta figliuola?” Al

quale la giovane alquanto dopo il dir di lui taciutasi rispose:

“Padre mio no, che io non ne sarò contenta”. “Come, vuoi

dunque monaca farti?” Disse il padre. Ed ella: “Messer non

so”; e con le parole le lagrime ad un tempo mandò fuori. Alla

quale il padre disse: “Questo so io che non vuoi, donati

dunque pace, che io intendo d’averti in un de conti da

Lodrone maritata”. Al qual la giovane forte piangendo

rispose: “Questo non fie mai”. Allora Messer Antonio molto

turbato sopra la persona assai la minacciò, se al suo volere

ardisse mai più di contradire e oltra questo se la cagion del

suo pianto non faceva manifesta. E non potendo da lei altro

che lagrime ritrarre, oltra modo scontento con Madonna

Giovanna la lasciò, né dove la figliuola l’animo avesse,

accorger si poté.

     Aveva la giovane al servo, che col suo padre stava; il quale

del suo amore consapevole era, e che Pietro aveva nome, ciò

che la madre le disse, tutto ridetto, e in presenza di lui

giurato, che ella anzi il veleno voluntariamente berrebbe che

prender mai, ancor che ella potesse, altri che Romeo per

marito. Del che Pietro particolarmente secondo l’ordine per

via del frate n’avea Romeo avisato, e egli alla Giulietta scritto,

che per cosa alcuna al suo maritare non consentisse, e meno

il loro amore facesse aperto, che senza alcun dubbio fra otto,

o dieci giorni egli prenderebbe modo di levarla di casa il

padre.

            Ma non potendo Messer Antonio e Madonna Giovanna

insieme né per lusinghe né per minaccie dalla figliuola la

cagion perché non si volesse maritare intendere; né per altro

sentiero trovando di cui ella innamorata fosse; e avendole

più fiate Madonna Giovanna detto: “Vedi figliuola non

piagnere oramai più, che marito a tua posta ti si darà, se

quasi uno de Montecchi volessi, il che son certa che non

vorrai”. E la Giulietta mai altro che sospiri e lagrime, non le

respondendo, in maggior sospetto entrati deliberarono di

conchiuder più tosto che si potesse le nozze che tra lei e il

conte da Lodrone trattate avevano. Il che intendendo la

giovane dolorosissima sopra modo ne divenne. Né sapendo

che si fare la morte mille volte al giorno disiderava, pur di

fare intendere il suo dolore a frate Lorenzo fra sé stessa

deliberò, come a persona, nella quale dopo Romeo più, che in

altra sperava, e che dal suo amante aveva udito, che molte

gran cose sapeva fare.

            Onde a Madonna Giovanna un giorno disse: “Madre

mia io non voglio, che voi maraviglia prendiate, se io cagion

del mio pianto non vi dico, percioché io stessa non la so, ma

solamente di continuo in me sento una si fatta maninconia

che non che l’altre cose, ma la propria vita noiosa mi rende,

né onde ciò m’avenga, so fra me pensare, non che a voi, o al

padre mio dire il possa: se da qualche peccato commesso, che

io non mi ricordasse, ciò non m’avenisse. E perché la passata

confessione molto mi giovò, io vorrei piacendo a voi

racconfessarmi, accio che questa Pasqua di maggio, che è

vicina, potessi in rimedio de’ miei dolori ricever la soave

medicina del sacrato corpo del nostro Signore”. A cui

Madonna Giovanna disse che era contenta. E ivi a due giorni

menatala a san Francesco dinanzi a frate Lorenzo la pose, il

quale prima molto pregato aveva, che la cagione del suo

pianto nella confessione cercasse d’intendere.

            La giovane come la madre da se allargata vide, così di

subito con mesta voce al frate tutto il suo affanno raccontò, e

per lo amore e carissima amistà, che tra lui e Romeo ella

sapeva che era, il pregò che a questo suo maggior bisogno

aita porgere le volesse. Alla quale il frate disse: “Che posso io

farti figliuola mia in questo caso tanta nimistà tra la tua casa

e quella del tuo marito essendo?” Disse a lui la mesta

giovane: “Padre io so che sapete assai cose fare, e a mille

guise mi potete aiutare, se vi piace, ma se altro bene fare non

mi volete, concedetemi almen questo: io sento preparare le

mie nozze ad un palagio di mio padre, il quale fuori di questa

terra da due miglia verso Mantova è, ove menar mi debbono,

accioche io men baldanza di rifiutare il nuovo marito abbia, e

là, dove non prima sarò che colui, che sposare mi dee, vi

giungerà, datemi tanto veneno, che insieme possa me de tal

doglia e Romeo da tanta vergogna liberare. Se non con

maggior mio incarico e suo dolore un coltello in me stessa

sanguinerò”. Frate Lorenzo, udendo l’animo di costei tale

essere, e pensando quanto egli nelle mani di Romeo ancor

fosse, il quale senza dubbio nimico gli diverrebbe, se a questo

caso non provedesse, alla giovane così disse: “Vedi Giulietta,

io confesso, come tu sai, la metà di questa terra, e in buon

nome sono appo ciascuno, né testamento o pace niuna si fa,

ch’io non v’intervenga, per la qual cosa non vorrei in qualche

scandalo incorrere, o che s’intendesse che io fossi

intervenuto in questa cosa giamai, per tutto l’oro del mondo.

Pur perché io amo te e Romeo insieme, mi disporrò a far

cosa, che mai per alcuno altro non feci, si veramente, che tu

mi prometterai di tenermene sempre celato”. Al qual la

giovane rispose: “Padre datemi pur securamente questo

veneno, che mai alcuno altro che io nol saperà”. Ed egli a lei:

“Veneno non ti darò io figliuola, che troppo gran peccato

sarebbe, che tu così giovanetta e bella ti morissi. Ma quando

ti dia il cuore di fare una cosa, che io ti dirò, io mi vanto di

guidarti sicuramente dinanzi al tuo Romeo. Tu sai che l’arca

de tuoi Cappelletti fuori di questa chiesa nel nostro cimitero

è posta. Io ti daro una polvere, la qual tu beendola per

quarantaotto ore, over poco più o poco meno, ti farà in guisa

dormire, che ogni uomo per gran medico che egli sia, non ti

giudicarà mai altro che morta. Tu serai senza alcun dubbio,

come se fossi di questa vita passata, nella detta Arca

sepellita, e io quando tempo fie, ti verrò a trarne fuori, e

terrotti nella mia cella, fin che al capitolo, che noi facciamo

in Mantova, io vada, che fie tosto, ove travestita nel nostro

abito al tuo marito ti menerò. Ma dimmi non temerai tu, del

corpo di Tebaldo tuo cugino, che poco ha, che ivi entro fue

sepellito?” La giovane già tutta lieta disse: “Padre se io per tal

via pervenir dovessi a Romeo, senza tema ardirei di passar

per lo Inferno”. “Orsù dunque, disse egli, poi che così sei

disposta, io son contento di aitarti. Ma prima che cosa alcuna

si facesse, mi parria, che di tua mano a Romeo la cosa tutta

interamente scrivessi, accioché egli morta credendoti in

qualche strano caso per disperazione non incorresse: perché

io so, che egli sopra modo t’ama. Io ho sempre frati, che

vanno a Mantova ove egli, come sai, si ritrova. Fa che io abbia

la lettra, che per fidato messo a lui la manderò”. E detto

questo, il buon frate, senza il mezzo de quali niuna gran cosa

a perfetto fine conducersi veggiamo, la giovane nel

confessoro lasciata alla sua cella ricorse, e subito a lei con un

picciol vasetto di polvere ritornò, e disse: “Te’ questa polve:

e quando ti parrà, nelle tre o nelle quattro ore di notte,

insieme con acqua cruda senza tema la berai: che d’intorno

sei comincierà operare, e senza fallo il nostro disegno ci

riuscirà. Ma non ti dimenticar perciò di mandarmi la lettera,

che a Romeo déi scrivere, che importa assai”.

           La Giulietta presa la polvere alla madre tutta lieta

ritornò, e dissele: “Veramente madonna, frate Lorenzo è il

miglior confessore del mondo. Egli m’ha sì racconfortata, che

la passata tristizia più non mi ricordo”. Madonna Giovanna

per la allegrezza della figliuola men trista divenuta rispose:

“In buona ora figliuola mia, farai, che ancor tu racconsoli lui

alle volte con la nostra elimosina: che poveri frati sono”. E

così parlando se ne vennero a casa loro.

            Già era dopo questa confessione fatta tutta allegra la

Giulietta in modo, che Messere Antonio e Madonna Giovanna

ogni sospetto, che ella fosse innamorata, avevan lasciato, e

credevano che ella per istrano e maninconoso accidente

avesse i preteriti pianti fatti, e volentieri l’arebbono lasciata

stare così per allora senza più dire di darle marito. Ma tanto a

dentro in questo fatto erano andati, che più tornare a dietro

senza incarico non si poteva. Onde volendo il Conte da

Lodrone, che alcun suo la donna vedesse, essendo Madonna

Giovanna alquanto cagionevole della persona, fu ordinato

che la giovane accompagnata da due zie di lei, a quel luogo

del padre, che avemo nominato, poco fuori della città, andar

dovesse: a che ella niuna resistenza fece, e andovi.

            Ove credendo la Giulietta che il padre così

all’improviso l’avesse fatta andare, per darla di subito in

mano al secondo sposo, e avendo seco portata la polvere, che

il frate le diede, la notte vicino alle quattro ore, chiamata una

sua fante, che seco allevata s’era, e che quasi come sorella

teneva, fattosi dare una coppa d’acqua fredda, dicendo che

per gli cibi della sera avanti sete sosteneva, e postole dentro

la virtuosissima polvere, tutta la si bebbe. E da poi in

presenza della fante e d’una sua zia che v’era, disse: “Mio

padre per certo contra mio volere non mi darà marito, s’io

potrò”. Le donne, che di grossa pasta erano, ancor che veduto

l’avessero bere la polve, la qual per rifrescarsi ella diceva

porre nell’acqua, e avessero udite queste parole, non perciò

le intesero, o sospicarono d’alcuna cosa; e tornaronsi a dormire. La

Giulietta spento il lume, e partita la fante,

fingendo di levarsi per alcuna opportunità naturale, del letto

si levò, e tutta de suoi panni si rivestì, e tornata nel letto,

come s’avesse creduto morire, così compose sopra quello il

corpo suo meglio che ella seppe, e, le mani sopra il petto

poste in croce, aspettava che’l beveraggio operasse, il qual

poco oltre due ore stette a renderla come morta.

           Venuta la mattina, e il sole gran pezza salito essendo, fu

la giovane nella guisa, che detto v’ho, sopra il suo letto

ritrovata, ed essendo voluta svegliare, ma non si potendo, e

già quasi tutta fredda trovandola, ricordandosi la zia e la

fante dell’acqua e della polvere che la notte bevuta aveva, e

delle parole da lei dette, e più vedendola essersi vestita, e da

sé stessa sopra il letto a quel modo racconcia; la polvere

veneno e lei morta, senza alcun dubbio giudicarono.

             Il rumor tralle donne si levò grandissimo, e il pianto,

massimamente per la sua fante, la qual spesso per nome

chiamandola diceva: “O madonna questo è quel, che dicevate,

‘mio padre contra mia voglia non mi mariterà’. Voi mi

domandaste con inganno la fredda acqua, la quale la vostra

dura morte a me apparecchiava. O misera me di cui prima mi

dorrò ? Della morte, o di me stessa? Io sola e voi e me, il

vostro padre e la vostra madre ad un tratto averò morto. Deh

perché sprezzaste morendo la compagnia d’una vostra serva,

la qual vivendo così cara mostraste d’avere? Che così, come

io sempre con voi volentieri vivuta sono, così anco con voi

volentieri morta sarei”. E così dicendo salita sopra il letto la

come morta giovane stretta abbracciava.

            Messer Antonio, il quale non lontano era, il rumore

udito tutto tremante nella camera della figliuola corse, e

vedutala sopra il letto stare, e inteso ciò che bevuto e detto

aveva, quantunque morta la stimasse, pure a sua

sodisfazione prestamente per un suo medico, che molto nella

sua casa usava, a Verona mandò, il qual venuto, e veduta, e

alquanto tocca la giovane, disse lei essere già più ore per lo

bevuto veneno di questa vita passata. Il che udendo il tristo

padre in dirottissimo pianto entrò. La mesta novella alla

infelice madre in poco spazio pervenne, la qual, da ogni vital

calore abbandonata, come morta cadde, e risentitasi con un

feminile grido, quasi fuori del senno divenuta, tutta

percotendosi, chiamando per nome la amata figliuola,

empiea di lamenti il Cielo, dicendo: “Io ti veggo morta o mia

figliuola, sola requie della mia vecchiezza. E come m’hai o

crudele potuto lasciare, senza dar modo alla tua misera

madre di udire le ultime tue parole? Almen fosse io stata a

serrare i tuoi begli occhi. O carissime donne, che a me

presenti sete, aitatemi morire, e se in voi alcuna pietà vive, le

vostre mani prima che il mio dolore, mi spengano. E tu,

grande Iddio del cielo, poiché si tosto come vorrei, non posso

morire, con la tua saetta togli me a me stessa odiosa”. Così

essendo da alcuna donna sollevata, e sopra il suo letto posta,

e da altre con assai parole confortata, non restava di

piagnere amaramente, e di dolersi. Appresso tolta la giovane

del luogo, ove ella era, e a Verona portata, con essequie

grandi e orrevolissime da tutti e suoi parenti e amici pianta,

nella detta Arca nel cimiterio di San Francesco per morta fu

sepellita.

           Avea frate Lorenzo; il quale per alcuna bisogna del

monistero poco fuori della città era andato, la lettera, che la

Giulietta scrisse, e che egli a Romeo mandar doveva, data ad

un frate, che a Mantova andava, il quale giunto nella città, ed

essendo due o tre volte alla casa di Romeo stato, né per sua

gran sciagura trovatolo mai in casa, e non volendo la lettera

ad altri che a lui proprio dare, ancora in mano l’avea, quando

Pietro credendo morta la Giulietta, quasi disperato, non

trovando frate Lorenzo in Verona, deliberò di portare egli

stesso a Romeo così mala novella, quanto la morte della sua

donna pensava che essere gli dovesse. Perché tornato la sera

fuori della città al luogo del suo patrone, la notte seguente si

ver Mantova caminò, che la mattina per tempo vi giunse, e

trovato Romeo, che ancora dal frate la lettera della donna

ricevuta non aveva, piagnendo gli raccontò, come la Giulietta

morta aveva veduta sepellire, e ciò che per lo adietro ella

aveva e fatto e detto, tutto gli raccontò. Il quale questo

udendo pallido, e come morto divenuto, tirata fuori la spada

si volle ferire per uccidersi. Pur da Pietro ritenuto disse: “La

vita mia in ogni modo più molto lunga esser non puote,

poscia che la propria vita è morta. O Giulietta mia io solo

sono stato della tua morte cagione, percioché, come io ti

scrissi, a levarti dal Padre tuo non venni. Tu per non

abbandonarmi morir volesti, e io per tema della morte viverò

solo? Questo non fie mai”. E a Pietro rivolto, donatogli un

bruno vestimento, che egli in dosso avea, disse: “Vanne

Pietro mio”.

           Indi partitosi, Romeo, e solo serratosi, ogni altra cosa

men trista che la vita parendogli, quel, che di se stesso far

dovesse, molto pensò, e alla fine come contadino vestitosi, e

una guastadetta d’acqua di serpe, che di buon tempo in una

sua cassa per qualche suo bisogno serbata avea, tolta, e nella

manica messalasi, a venir uerso Verona si mise, fra sé

pensando e desiderando, over per mano della giustizia, se

trovato fosse, rimaner della vita privato (solo che la morte

più orreuole fosse stata) over nell’arca, la qual molto ben

sapeva dove era, con la sua donna rinchiudersi, e ivi morire.

A questo ultimo pensiero si gli fu la fortuna favorevole, che la

sera del dì seguente, che la donna era stata sepellita, in

Verona senza esser da persona conosciuto entrò, e aspettata

la notte, e già sentendo ogni parte di silenzio piena, al luogo

de frati minori, ove l’arca era, pervenne.

            Non avevano ancora questi frati conventuali il luogo di

 san Fermo in Verona, né gli altri osservanti da essi

dividendosi avevan quello di san Bernardin fondato, ma in

 una chiesetta del nome di San Francesco intitolata, nella

 quale egli già stette, e nella Cittadella ancor si vede, la sua

vera regola a nostri tempi dal loro licenzioso vivere guasta,

perfettamente osservando insieme dimoravano, presso le

mura della quale dal canto di fuori erano allora appoggiati

certi avello di pietra, come in molti luoghi fuori delle chiese

veggiamo, uno de quali antica sepoltura di tutti e Cappelletti

era, e nel quale la bella giovane si stava.

            A questo accostatosi Romeo (che d’intorno le quattro

ore esser poteva) e come uomo di gran nerbo che egli era,

per forza il coperchio levatogli, e con certi legni a ciò disposti,

che seco portati aveva, in modo puntellato avendolo, che

contra sua voglia chiuder non si poteva, dentro v’entrò, e lo

richiuse. Avea seco il sventurato giovane recato una lume orba, per

poter la sua donna alquanto vedere, la qual levati

i puntelli, e rinchiusosi nell’arca, di subito tirò fuori, e aperse,

e ivi la sua bella Giulietta sopra ossa e stracci di molti morti,

come morta, vide giacere. Onde immantenente forte

piagnendo così cominciò a dire: “O occhi, che a gli occhi mie

foste, mentre al Cielo piacque, chiare luci. O bocca da me

mille volte si dolcemente basciata, e dalla quale così saggie

parole si udivano. O bel petto, che’l mio cuore in tanta letizia

albergasti, ove io ora ciechi, muti, e freddi vi ritrovo? Come

sanza di voi veggo, parlo, o vivo? O misera mia donna ove sei

d’Amore condotta? Il quale vuole che poco spazio due tristi

amanti e spenga e alberghi. Oimé questo non mi promise la

speranza e quel desio, che del tuo amore primieramente

m’accesero. O sventurata mia vita a che ti reggi?” E così

dicendo gli occhi, la bocca, e il petto le basciava ogni ora in

maggior pianto abbondando, nel qual diceva: “O sasso, che

sopra mi sei, perché addosso cadendomi non fai vie più

brieve la mia vita?” Ma percioché la morte in libertà

d’ognuno esser si vede, vilissima cosa per certo è disiderarla

e non prenderlasi, e così l’ampolla, che con l’acqua venenosa

nella manica aveva, tirata fuori parlando seguì: “Io non so

qual destino sopra i miei nimici e da me morti nel lor

sepolchro a morire mi condanni. Ma poscia che o mia anima

presso alla donna nostra così giova il morire ora, moriamo”.

E in quella postasi a bocca la cruda acqua nel suo petto tutta

la ricevette. Dapoi presa l’amata giovane nelle braccia forte

stringendola, diceva: “O bel corpo ultimo termine d’ogni mio

disio se alcun sentimento dopo il partir dell’anima t’è restato,

o se ella il mio crudo morir vede, priego, che non le

dispiaccia, che non avendo io teco potuto lieto e palese

vivere, almen secreto e mesto teco mi moia”; e molto stretta

tenendola la morte aspettava.

           Già era giunto l’ora, che il calor della giovane la fredda e

potente virtù della polvere dovesse avere estinta, ed ella

svegliarsi. Perché stretta e dimenata da Romeo nelle sue

braccia si destò, e risentitasi dopo un gran sospiro disse:

Oimé ove son io? Chi mi stringe? Misera me, chi mi bascia?”

E credendo che questi frate Lorenzo fosse, gridò: “A questo

modo frate serbate la fede a Romeo? A questo modo a lui mi

condurrete sicura?” Romeo la donna viva sentendo, forte si

maravigliò, e forse di Pigmalion ricordandosi disse: “Non

mi conoscete o dolce donna mia? Non vedete che io il tristo

vostro sposo sono, per morire appo voi, da Mantova qui solo

e secreto venuto?”

            La Giulietta nel monimento vedendosi, e in braccio ad

uno che diceva essere Romeo sentendosi, quasi fuori di sé

stessa era, e da se alquanto sospintolo, e nel viso guatatolo, e

subito racconosciutolo, abbracciandolo mille basci gli donò e

poi gli disse: “Qual sciochezza vi fece qua entro e con tanto

pericolo entrare? Non vi bastaua egli per le mie lettere avere

inteso, come io mi dovea con lo aiuto di frate Lorenzo fingere

morta, e che di brieve sarei stata con voi?”

            Allora il tristo giovane accorto del suo gran fallo

incominciò: “O misera la mia sorte, o sfortunato Romeo, o vie

più di tutti altri amanti dolorissimo, io di ciò vostre lettere

non ebbi giamai”. E quivi le raccontò, come Pietro la sua non

vera morte per vera gli disse, onde credendola morta aveva

per farle morendo compagnia ivi presso lei tolto il veneno, il

qual come acutissimo sentiva, che per tutte le membra la

morte gli cominciava mandare. La sventurata fanciulla

questo udendo sì dal dolore uinta restò, che altro, che le belle

sue chiome e l’innocente petto battersi e stracciarsi fare non

sapeva, e a Romeo, che già risupino caduto era, basciandolo

spesso un mare delle sue lagrime spargere sopra, e essendo

più pallida che la cenere diuenuta, tutta tremante disse:

“Dunque nella mia presenza e per mia cagion dovete Signor

mio morire ? E il Cielo patirà, che dopo voi (ben che poco) io

viva ? Misera me almeno a voi la mia vita potessi io donare, e

sola morire”. Allo quale il giovane con voce languida rispose:

“Se la mia fede e ’l mio amore mai caro vi fu, per quello vi

priego, che dopo me non vi spiaccia la vita se non per altra

cagione, almen per poter pensare di colui, che del vostro

amore preso per voi dinanzi a voi si more”. A questo rispose

la donna: “Se voi per la mia finta morte morite, che debbo io

per la vostra non finta fare? Dogliomi solo, che io qui ora

dinanzi a voi non abbia di morire il modo, e a me stessa,

percioché io vivo, odio porto. Ma io spero bene che in poco

spazio, sì come stata son cagione, così saro della vostra

morte compagna”, e con fatica queste parole finite tramortita

si cadde. E appresso risentitasi andava miseramente con la

bella bocca gli estremi spiriti del suo caro amante

raccogliendo, il qual uerso il suo fine a gran passo caminava.

               In questo tempo avea frate Lorenzo inteso, come e

quando la giovane la polvere bevuta avesse; e che per morta

era stata sepellita, e sapendo il termine esser giunto, nel

quale la detta polvere la sua virtù finiva, preso uno suo fidato

compagno, forse una ora innanzi al giorno all’arca per trarne

la donna se ne venne, alla qual giungendo, e ella piagnere e

dolersi udendo, per la fessura del coperchio mirando, e un

lume dentro vedendovi, meravigliatosi forte, pensò che la

giovane a qualche guisa la lucerna con esso lei ivi dentro

portata avesse, e che svegliatasi per tema d’alcun morto, o

forse di non restar sempre in quel loco rinchiusa, si

ramaricasse, e piagnesse in tal modo. E con l’aita del

compagno prestamente aperta la sepoltura vide la Giulietta,

la qual tutta scapigliata e dolente s’era in sedere levata, e il

quasi morto amante nel suo grembo recato s’avea. Alla quale

egli disse: “Dunque temevi tu figliola mia, ch’io qui dentro ti

lasciassi morire?” Ed ella, il frate udendo e il pianto

raddoppiando, rispose: “Anzi temo io, che voi con la mia vita

me ne caviate. Deh per la pieta di Dio riserrate il sepolcro, e

andatevene in guisa, che io qui mi muoia, over porgetemi un

coltello, che io nel mio petto ferendo di doglia mi tragga. O

Padre mio, o padre mio ben mandaste la lettera? Ben sarò io

maritata? Ben mi guidarete a Romeo? Vedetelo qui nel mio

grembo già morto”. E raccontandogli tutto il fatto gliele

mostrò.

            Frate Lorenzo queste cose udendo come insensato si

stava, e mirando il giovane, il qual per passar di questa

all’altra vita era, forte piagnendo lo chiamò, dicendo: “O

Romeo qual sciagura mi ti toglie? parlami alquanto, drizza a

me un poco gli occhi tuoi. O Romeo vedi la tua carissima

Giulietta che ti prega che la miri. Perché non rispondi almeno

a lei, nel cui bel grembo ti giaci?” Romeo al caro nome della

sua donna alzò alquanto i languidi occhi dalla vicina morte

gravati, e vedutala gli richiuse, e poco dapoi tutto torcendosi

fatto un brieve sospiro si morì.

          Morto nella guisa, che divisato v’ho, il misero amante,

dopo molto pianto già vicinandosi il giorno, disse il frate alla

giovane: “E tu Giulietta che farai?” La qual tostamente

rispose: “Morrommi qui entro”. “Come figliuola”, disse egli,

“non dire così, esci pur fuori, che come che io non sappia che

di te farmi, pur non ti mancherà il richiuderti in qualche

santo monistero, e ivi pregar sempre Dio per te e per lo

morto tuo sposo, se bisogno ne ha”. Al qual disse la donna:

“Padre altro non vi dimando io, che questa grazia, la qual per

lo amor, che voi alla felice memoria di costui portaste (e

mostrogli Romeo) mi farete volentieri, e questo fie di non far

mai palese la nostra morte, accioché i nostri corpi possano

insieme sempre in questo sepolcro stare. E se per caso il

morir nostro si risapesse, per lo già detto amore vi ripriego,

che i nostri miseri padri in nome di ambo noi vogliate

pregare, che quelli, i quali amore in uno istesso fuoco arse, e

ad una istessa morte condusse, non sia lor grave in uno

istesso sepolcro lasciare”. E voltatasi al giacente corpo di

Romeo, il cui capo sopra uno origliere, che con lei nell’arca

era stato lasciato, posto aveva, gli occhi meglio rinchiusi

avendogli, e di lagrime il freddo uolto bagnandogli disse:

“Che debbo io senza te in vita più fare Signor mio? E che altro

mi resta verso te, se non con la mia morte seguirti? Niente

altro certo, accioché da te, dal quale la morte solo mi poteva

separare, la istessa morte separare non mi possa”. E detto

questo la sua gran sciagura nell’animo recatasi, e la perdita

del caro amante ricordandosi, deliberando di più non vivere,

raccolto a se lo spirito, e per buono spazio tenutolo, sopra il

morto corpo morta ricadde.

             Frate Lorenzo dapoi che la giovane morta conobbe,

per molta pietà tutto stordito non sapeva egli stesso che

farsi, e insieme col compagno dal dolore vinto ancor sopra i

morti amanti piagnea, quando furono d’alcuni vicini, che per

tempo levati s’erano, sopra questa arca veduti col lume, e

conosciuti: onde alcun di loro immantenente questo fatto a

Cappelletti rapportò, i quali furon prestamente dinanzi al

Signore pregando, che egli per forza di tormento (se

altrimenti non si poteva) volesse dal frate sapere quello che

nella loro sepoltura a quella ora cercava, tanto più che essi il

sapevano de loro inimici amico.

             Il Signor poste le guardie, che ’l frate partir non si

potesse, mandò per lui, al quale venutogli innanzi disse: “Che

cercavate domine stamane nella sepoltura de Cappelletti ?

diteloci: che noi in ogni guisa lo vogliam sapere”. Ma mentre

che ’l frate con alcune sue favole cercava di scusarsi col

Signore, e di nascondergli la verità, gli altri del convento, che

la novella intesa avevano, uollero la sepoltura aprire, e

mirarvi dentro, per veder di saper quel che i due frati la

passata notte sopra vi facevano. E apertala, e il corpo del

morto amante dentro trovatovi, di subito con rumore

grandissimo al Signor, che ancora col frate parlava, fu detto

come nella sepoltura de Cappelletti, sopra la qual la notte il

frate era stato colto, giaceva morto Romeo Montecchi. Questo

parve a ciascuno quasi impossibile, e somma maraviglia a

tutti apportò, il che udendo frate Lorenzo, e conoscendo non

potere più nascondere quel che disiderava di celare,

ginocchione dinanzi al Signor postosi disse: “Perdonatemi

Signor mio se a voi la bugia di quel che mi richiedeste io dissi.

Che ciò non feci per malizia, ne per guadagno alcuno, ma per

servare la promessa fede a due miseri e morti amanti da me

data”, e così tutta la passata istoria fu astretto presente molti

a raccontarli.

           Bartholomeo dalla Scala questo udendo da gran pietà

quasi mosso a piagnere volle i morti corpi egli stesso vedere,

e con grandissima quantità di popolo al sepolcro se ne venne,

e trattone i due amanti nella chiesa di san Francesco sopra

due tapeti gli fece porre. In questo tempo i padri loro nella

detta chiesa vennero, e sopra i lor morti figliuoli piagnendo

da doppia pieta vinti, avenga che nimici fossero,

s’abbracciorono in modo che la lunga nimistà tra essi e tra le

lor case stata, e che né prieghi d’amici, né minaccie di

Signore, né danni ricevuti, né ’l tempo aveva mai potuta

estinguere; per la misera e pietosa morte di questi amanti

hebbe fine. E ordinato un bel monimento, sopra il qual la

cagion della lor morte scolpita fosse, gli due amanti con

pompa grandissima e solenne dal Signore, e da lor parenti, e

da tutta la città pianti, e accompagnati, sepelliti furono.