Diplomatic edition 1539

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

5

 

 

 

 

10

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

5

 

 

 

 

10

 

 

 

 

15

 

 

 

 

20

 

 

 

 

25

 

 

 

 

30

 

 

 

 

35

 

 

 

 

40

 

 

 

 

45

 

 

 

 

50

 

 

 

 

55

 

 

 

 

60

 

 

 

 

65

 

 

 

 

 

 

 

5

 

 

 

 

10

 

 

 

 

15

 

 

 

 

20

 

 

 

 

25

 

 

 

 

30

 

 

 

 

35

 

 

 

 

40

 

 

 

 

45

 

 

 

 

50

 

 

 

 

55

 

 

 

 

60

 

 

 

 

65

 

 

 

 

70

 

 

 

 

75

 

 

 

 

80

 

 

 

 

85

 

 

 

 

90

 

 

 

 

95

 

 

 

 

100

 

 

 

 

105

 

 

 

 

110

 

 

 

 

115

 

 

 

 

120

 

 

 

 

125

 

 

 

 

130

 

 

 

 

135

 

 

 

 

140

 

 

 

 

145

 

 

 

 

150

 

 

 

 

155

 

 

 

 

160

 

 

 

 

165

 

 

 

 

170

 

 

 

 

175

 

 

 

 

180

 

 

 

 

185

 

 

 

 

190

 

 

 

 

195

 

 

 

 

200

 

 

 

 

205

 

 

 

 

210

 

 

 

 

215

 

 

 

 

220

 

 

 

 

225

 

 

 

 

230

 

 

 

 

235

 

 

 

 

240

 

 

 

 

245

 

 

 

 

250

 

 

 

 

255

 

 

 

 

260

 

 

 

 

265

 

 

 

 

270

 

 

 

 

275

 

 

 

 

280

 

 

 

 

285

 

 

 

 

290

 

 

 

 

295

 

 

 

 

300

 

 

 

 

305

 

 

 

 

310

 

 

 

 

315

 

 

 

 

320

 

 

 

 

325

 

 

 

 

330

 

 

 

 

335

 

 

 

 

340

 

 

 

 

345

 

 

 

 

350

 

 

 

 

355

 

 

 

 

360

 

 

 

 

365

 

 

 

 

370

 

 

 

 

375

 

 

 

 

380

 

 

 

 

385

 

 

 

 

390

 

 

 

 

395

 

 

 

 

400

 

 

 

 

405

 

 

 

 

410

 

 

 

 

415

 

 

 

 

420

 

 

 

 

425

 

 

 

 

430

 

 

 

 

435

 

 

 

 

440

 

 

 

 

445

 

 

 

 

450

 

 

 

 

455

 

 

 

 

460

 

 

 

 

465

 

 

 

 

470

 

 

 

 

475

 

 

 

 

480

 

 

 

 

485

 

 

 

 

490

 

 

 

 

495

 

 

 

 

500

 

 

 

 

505

 

 

 

 

510

 

 

 

 

515

 

 

 

 

520

 

 

 

 

525

 

 

 

 

530

 

 

 

 

535

 

 

 

 

540

 

 

 

 

545

 

 

 

 

550

 

 

 

 

555

 

 

 

 

560

 

 

 

 

565

 

 

 

 

570

 

 

 

 

575

 

 

 

 

580

 

 

 

 

585

 

 

 

 

590

 

 

 

 

595

 

 

 

 

600

 

 

 

 

605

 

 

 

 

610

 

 

 

 

615

 

 

 

 

620

 

 

 

 

625

 

 

 

 

630

 

 

 

 

635

 

 

 

 

640

 

 

 

 

645

 

 

 

 

650

 

 

 

 

655

 

 

 

 

660

 

 

 

 

665

 

 

 

 

670

 

 

 

 

675

 

 

 

 

680

 

 

 

 

685

 

 

 

 

690

 

 

 

 

695

 

 

 

 

700

 

 

 

 

705

 

 

 

 

710

 

 

 

 

715

 

 

 

 

720

 

 

 

 

725

 

 

 

 

730

 

 

 

 

735

 

 

 

 

740

 

 

 

 

745

 

 

 

 

750

 

 

 

 

755

 

 

 

 

760

 

 

 

 

765

 

 

 

 

770

 

 

 

 

775

 

 

 

 

780

 

 

 

 

785

 

 

 

 

790

 

 

 

 

795

 

 

 

 

800

 

 

 

 

805

 

 

 

 

810

 

 

 

 

815

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                        RIME  ET  PROSA

                       DI MESSER LVIGI

                             DA PORTO.

 

                     D E D I C A T E   AL

                          REVERENDIS=

                       SIMO CARDINAL

                               BEMBO.

 

 

                   M        D         XXXIX.

 

 

                     CON PRIVILEGIO.                                                           

 

 

RIME ET PROSA DI M. LVIGI DA PORTO:

    il quale eʃsendo  belliſsimo et  animoſiſsimo  giouane  per lo

   suo ualore conddottier de Signor Venetiani, combattendo per

   loro nel Frigoli co nimici Tedeſchi , fu ferito di maniera :

   che ne rimaſe prima perduto della perſona per un tempo; et

   poi zoppo et debole mentre e uiʃʃe. Per laqual cagione ſi ri=

   uolse dalle arme alle lettere et alla uolgar Poeſia : onde ne

   nacquero quei frutti: che M. Bernardin da Porto ʃuo fra=

  tello appreʃʃo la morte di lui raccolti .    Viʃʃe M. Luigi

  anni quarantatre , et meʃi noue : et morì in Vicenza ʃua pa=

  tria il dì decimo di Maggio.                M       D      X X I X.

 

                 L A   G I V L I E T T A   D I   M E S S E R

                          L V I G I   D A   P O R T O

 

 

 

 A    M A D O N N A   L V C I N A    S A V O R=

        G N A N A ,   L V I G I  D A  P O R T O.

 

    P                      Oscia che io gia sono assai giorni paʃʃa=

                            ti con uoi parlando diʃʃi, di uolere una

                            compaʃʃioneuole nouella da me gia  udi=

                            ta, et in Verona interuenuta ʃcriuere; m’è

                            paruto  eʃʃer  mio  debito  in  quee poche

charte dienderlaui; ʃi perche le mie parole appo uoi non

pareʃʃero uane, ʃi ancho perche a me, che miʃero ʃono, ra=

gionar de caʃi de miʃeri amanti, di che ella è piena, s’apper=

tiene . et appreʃʃo  al  uoro ualore indrizzarla;  accio che

poʃsiate leggendola chiaramente uedere, a quai riʃchi, a quai

traboccheuoli paʃsi, a quai crudeliʃsime morti i miʃeri et cat=

tiuelli amanti ʃieno il piu delle uolte d’amore condotti . Et

ancho uolentieri a uoi la mando, accio che douendo per auen=

tura ella eʃʃere l’ultimo mio lauorio in quea arte, in uoi lo

ʃcriuere mio finiʃca, et come ʃete porto d’ogni ualore , et

d’ogni uirtu; coʃi della picciola barchetta del mio ingegno

anchor ʃiate, laquale carca di molti et varij diʃiri d’amore

ʃoʃpinta per gli men profondi pelaghi de la Poeʃia ha mol=

to fino a qui ʃolcato, et accio che ella a uoi giungendo poʃʃa

ad altri, che piu felicemente et con meglior ella nel gia

detto mare nauighi, et timone et remi et uela donando, di=

ʃarmata ʃicuramente alle uore riue legarʃi. Prendetela

adunque madonna ne l’habito allei conueneuole, nel quale

ella è, et leggetela uolentieri, ʃi per lo ʃuggetto, che pieno

di pietate mi par che ʃia, come ancho per lo retto uin=

colo di parentado, et di dolce amià; che tralla leggiadra

perʃona uora, et chi la ʃcriue ʃi ritroua. Dico adunque

che ʃi come uoi eʃʃa uedee, mentre il Cielo contra me

in tutto ogni ʃuo ʃdegno riuolto non hebbe, nel principio

della mia giouanezza all’arte dell’arme mi diedi , et in

quella molti grandi, et ualoroʃi huomini ʃeguitando, nella

diletteuole uora patria del Frigoli alcun tempo mi eʃʃer=

citai, per laquale quando publicamente, et quando priuata=

mente hor qua, hor la m’era biʃogno d’andare .  Haueua

io per continuo uʃo caualcando, di menar ʃempre meco tra

glialtri un mio Arciere Veroneʃe, huomo di forʃe cinquan

ta anni, pratico nel meiere, et piaceuoliʃsimo, et (come

quaʃi tutti i Veroneʃi ʃono)belliʃsimo fauellatore, chiama=

to Pellegrino. Quei, oltre che animoʃo, et eʃperto ʃol=

dato foʃʃe, leggiadro era, et forʃe piu di quello, che agli

anni ʃuoi ʃi ʃarebbe conuenuto, innamorato ʃempre; il che

al ʃuo ualore doppio ualore aggiugnea: Onde egli le piu

belle nouelle, et con migliore ordine et gratia ʃi dilettaua

di raccontare, et maʃsimamente quelle , che d’amore tratta=

uano; che  alcuno  altro , che io udiʃsi giamai . Per laqual

coʃa partendo io da Gradiʃca, oue in alloggiamento mi

aua , et  con coui et  due altri miei forʃe d’amore  ʃo=

ʃpinto uerʃo Vdine uenendone; laqual rada molto ʃolin=

ga in quel tempo, et  tutta per la guerra arʃa, et dirutta

era; et molto dal penʃiero ʃoprapreʃo, et lontano da gli

altri uenendomi, accoatomiʃi il detto Pellegrino, come co=

lui , che  i  miei  penʃieri s’indouinaua ,  coʃi mi  diʃʃe. Vo=

lete ùoi ʃempre in tria uita uiuere,perche una bella cru

dele altrimenti morando poco u’ami?Et benche io contro

me ʃpeʃʃo dica: pur perche meglio ʃi danno, che non ʃi ri=

tengono i buon conʃigli, ui dirò patron mio; che oltre che

a uoi nell’eʃʃercitio ; che ʃete, lo entrar molto nella prigion

d’amore ʃi diʃdica; ʃi trii ʃon quaʃi tutti e fini, a quali

egli ci conduce; che è un pericolo il ʃeguitarlo, et in te=

imonianza di ciò, quando a uoi piaceʃʃe, potre io una

nouella nella mia citta auenuta; che la uia men ʃoletaria

et men rincreʃceuole ci farebbe ; raccontarui : nellaquale

ʃentiree come due nobili amanti d’amore a miʃera et

piatoʃa morte guidati foʃʃero, et gia hauendo io fatto ʃe=

gno di douerlo udire uolentieri, egli coʃi incominciò.

 

                                N O V E L L A.

 

NEL tempo che Bartholomeo dalla Scala Signore corteʃe et

    humaniʃʃimo il freno alla mia bella patria, et ringeua,

    et rallentaua; furono in lei( ʃecondo, che il mio padre di-

    ceuahauer udito) due nobiliʃsime famiglie,per contraria fat

    tione, ouer per particolare odio tra ʃe nimiche, l’una i

    Montecchi, et l’altra i Cappelletti nomata. dell’una delle

    quali ʃi crede certo eʃʃere quei, che hora in Vdine di=

   morano, cio è meʃʃer Nicolo, et meʃʃer Giouanni hora

   detti Monticoli, di Verona per rano caʃo quiui.uenuti

   ad habitare: benche poco altro di quello de gli antichi ʃe=

   co habbiano in queo luogo recato, fuor che la lor cor=

   teʃe gentilezza. Et auegna che io alcune uecchie coʃe leg=

   gendo habbia trouato, come quee due famiglie unite cac=

   ciarono Azzo da Ei gouernator della detta terra, che col

   fauor de ʃan Bonifaci poʃcia ui ritornò; non dimeno, ʃi co=

   me io le udì, ʃenza altramente mutarla a uoi la ʃporro.

Furono adunque come io dico in Verona ʃotto il gia detto Signo

  re le ʃopradette famiglie, di ualoroʃi huomini e: di ricchez=

  za ugualmente dal Cielo et dalli fortuna dotate; tralle qua

  li; come il piu delle uolte tralle. gran caʃe ʃi uede auenire;

  che che la cagione ʃe ne foʃʃe; crudeliʃsima nimià regnaua.

  per laquale gia piu huomini erano coʃi dell’una come dell’al

  tra morti, inguiʃa, che tra per ianchezza, et per le mi=

  naccie del Signore; che con diʃpiacere grandiʃsimo le uede=

  ua nimiche; di farʃi piu male ritratte s’erano, et ʃenza al=

  tra pace col tempo in modo domeicate; che gran parte de

  loro huomini inʃieme parlauano. Eʃʃendo coʃi cooro quaʃi

  rappacificati; auenne un carnaʃciale che in caʃa di meʃʃere

  Antonio Cappelletti huomo feoʃo et piaceuoliʃsimo; ilqua=

  le il primo della famiglia era; molte fee ʃi fecero et di

  giorno, et di notte: oue quaʃi tutta la citta concorreua.

  Ad una dellequali una notte (come è de gli amanti cou=

  me) che le lor donne, ʃi come col cuore, coʃi ancho col

  corpo (pur che poʃʃano) ouunque uanno ʃeguono; un gioua=

  ne de Montecchi una ʃua crudel donna ʃeguendo ʃi con=

  duʃʃe. Era coui giouane molto, et belliʃsimo, et grande

  della perʃona, leggiadro et accoumato aʃʃai: perche trattaʃi

  la Maʃchera, come ogni altro faceua, et in habito di donna

  trouandoʃi, non fu quiui occhio, che a rimirarlo non ʃi ri=

  uolgeʃʃe, ʃi per la ʃua bellezza; che quella di qualunque

  bella donna, che quiui foʃʃe aguagliaua; et ʃi per maraui=

  glia, che in quella caʃa (maʃsimamente la notte) uenuto foʃ

  ʃe. Ma con piu efficacia che ad alcuno altro, ad una fi=

  gliuola del detto meʃʃere Antonio uenne ueduto, che egli

  ʃola haueua; et laquale belliʃsima, et baldanzoʃa, et leg=

  giadriʃʃima era. Coei ueduto il giouane con tanta for=

  za nell’animo la ʃua bellezza riceuette; che al primo in=

  contro de loro occhi di piu non eʃʃer di ʃe medeʃima le

  parue. Stauaʃi coui in ripoa parte della fea con poca

  baldanza tutto ʃolo; et rade uolte in ballo, o in parla=

  mento alcuno ʃi trametteua; come quegli, che d’amore

  guidatoui con molto ʃoʃpetto ui aua. il che alla giouane

  forte doleua: percioche piaceuoliʃsimo udiua che egli era,

  et gratioʃo. Et paʃʃando la mezza notte, et il fine del

  feeggiare uenendo, il ballo del Torchio, o del Cappello,

  come dire il uogliamo, et che tutto di nella fine delle fe=

  e ueggiamo uʃare; ʃ’incominciò. nel quale in cerchio an=

  doʃi l’huomo la donna, et la donna l’huomo a ʃua uoglia

  permutando ʃi piglia. In quea danza d’alcuna donna fu il

  giouane leuato: ilquale dapoi a caʃo preʃʃo la gia inna =

  morata fanciulla s’ando a porre . Era dall’altro canto di

  lei un nobil giouane Marcuccio guercio nominato: il quale

  per natura coʃi il Luglio, come il Genaio, le mani ʃempre

  frediʃʃime haueua: perche giunto Romeo Montecchi (che

  coʃi era il giouane nomato) almanco lato della donna, et

  come in tal ballo s’uʃa di fare, la bella ʃua mano in man

  preʃa, diʃʃe allui quaʃi di ʃubito la giouane, forʃe uaga di

  udirlo fauellare: Sia benedetta la uora uenuta qui preʃʃo

  me, meʃʃer Romeo; allaquale il giouane, che gia del ʃuo

  mirare accorto s’era, marauigliato del parlar di lei diʃʃe.

  Come madonna benedetta la mia uenuta? Et ella riʃpoʃe sì,

  benedetto il uoro uenire qui appo me, percioche uoi almen

  quea ʃinira mano calda mi terrete, la doue Marcuccio la

  dera m’agghiaccia. Coui preʃo alquanto d’ardire ʃeguì.

  Se io a uoi con la mia mano la uora riʃcaldo; uoi co

  be uori occhi il mio cuore accendete. La donna dopo un

  brieue ʃorriʃo ʃchifando d’eßer con lui ueduta, o udita

  ragionare anchor gli diße. Io ui giuro la mia fede Ro=

  meo, che non è qui donna, laquale a gliocchi mei bel=

  la paia, quanto uoi. il giouane gia tutto di lei acceʃo ri=

  ʃpoʃe: Quale io mi ʃia ʃaro alla uora bellezza ʃe a

  quella non ʃpiacera , ʃempre fedel ʃeruo. Laʃciato poco ap

  preßo il feeggiare, et tornato Romeo alla ʃua caʃa, con=

  ʃiderata la crudelta della primiera ʃua donna, che di mol

  to languire poca mercede gli donaua, deliberò quando a

  coei ciò foße in grado, quantunque de ʃuoi nimici di=

  ʃceʃa, tutto donarʃi. Dall’altro canto poco ad altro che

  allui ʃempre penʃando la giouane, dopo molti ʃoʃpiri tra

  ʃe iimò, lei douer ʃempre felice eßere; ʃe coui per

  iʃpoʃo hauer poteße. Ma per la nimià, che trall’una et

  l’altra caʃa era, con molta paura poca ʃpeme di giunge=

  re a ʃi lieto grado teneua; onde fra due penʃieri di con=

  tinuo uiuendo a ʃe eßa piu uolte diße: O ʃciocca me

  a qual uaghezza mi laʃcio io in coʃi rano labirintho gui=

  dare; oue ʃenza ʃcorta reando uʃcire a mia poa non ne

  potro ? gia che Romeo Montecchi non m’ama: percioche

  per la nimià, che ha  co miei, altro che la mia uergo=

  gna non puo cercare. Et poo che per iʃpoʃa egli   me

  uoleße; il padre mio di darglimi non conʃentira gia mai.

  Dapoi nell’altro penʃiero uenendo diceua: chi ʃa? forʃe

  che per meglio rappacificarʃi inʃieme quee due caʃe; che

  gia anche et ʃatie ʃono di farʃi trallor piu guerra; mi

  potrebbe anchora uenir fatto d’hauerlo in quella guiʃa,

  che io lo diʃidero. Et in queo fermataʃi cominciò eßer=

  gli d’alcun guardo corteʃe. Acceʃi dunque i due aman=

  ti di ugual fuoco, l’un dell’altro il bel nome et la effi=

  gie nel petto ʃcolpita portando dier principio, quando in

  chieʃa, quando a qualche finera a uagheggiarʃi intanto;

  che mai bene ne l’uno ne l’altro haueua, ʃenon quanto

  ʃi uedeuano . Et egli maʃsimamente, ʃi de uaghi cou=

  mi di lei acceʃo ʃi ritrouaua; che quaʃi tutta la notte con

  grandiʃʃimo pericolo della ʃua uita, ʃe ato ui foße tro=

  uato , dinanzi alla caʃa dell’amata donna ʃolo ʃi aua;

  et hora ʃopra la finera della ʃua camera per forza ti=

  ratoʃi, iui ʃenza che ella o altri il ʃapeße ad udirla par

  lare ʃi ʃedeua; et hora ʃopra la rada giaceua. Auenne

  una notte, come Amor uolle , la Luna piu del ʃolito ri=

  lucendo; che mentre Romeo era per ʃalire ʃopra il detto

  balcone, la giouane (o che cio a caʃo foße, o che l’altre

  ʃere ʃentito l’haueße)ad aprire quella fenera uenne; et

  fattaʃi fuori il uide: ilquale credendo, che non ella, ma qual

  che altro il balcone apriße; nell’ombra d’alcun muro fuggir

  uoleua : onde ella conoʃciutolo , et per nome chiamatolo

  gli diße; Che fate qui a quea hotta coʃi ʃolo? et egli

  gia racconoʃciuta hauendola riʃpoʃe: Quello che amor uuo

  le . Et  ʃe  uoi ci foe  colto , diße  la  donna , non potree

  uoi morirci di leggiero ? Madonna riʃpoʃe Romeo ʃi ben

  che io ui potrei ageuolmente morire; et ci morrò di certo

  una notte, ʃe uoi non m’aitate . ma percioche io ʃono an=

  chora in ogni altro luogo coʃi preßo alla morte, come qui;

  procaccio di morir piu uicino alla perʃona uora, che io

  poʃʃa; con laqual di uiuer ʃempre bramerei; quando al

  Cielo et a uoi piaceʃʃe. Allequai parole la giouane riʃpoʃe.

  Da me non rimarrà mai, che uoi meco honeamente non

  uiuiate, non reaʃʃe egli piu da uoi, o dalla nimià; che

  tralla uora et la mia caʃa ueggo. A cui il giouane diʃʃe:

  Voi potete credere, che piu non ʃi poʃʃa bramar coʃa di

  quello; che io uoi di continuo bramo; et percio quando

  a uoi ʃola piaccia di eʃʃere coʃi mia, come io d’eʃʃer uo=

  ro diʃidero; io il faro uolentieri: ne temo che alcun mi

  ui tolga gia mai: et detto queo, meʃʃo ordine di parlarʃi

  unaltra notte con piu ripoʃo , ciaʃcun del luogo oue era

  ʃi dipartì. Dapoi andato il giouane piu uolte per parlar=

  le , una ʃera che molta neue cadeua, all’uʃato luogo la

  ritrouò, et diʃʃele: Deh perche mi fate languire? non ui

  ringe pieta di me, che tutte notti in coʃi fatti tempi ʃo=

  pra quea rada u’aʃpetto? alquale la donna diʃʃe: Cer=

  to ʃi, che uoi mi fate pieta : ma che uorree che io faceʃ=

  ʃi ʃenon pregarui che ue ne andae? allaqual fu dal gio=

  uane riʃpoo: che uoi mi laʃciae nella camera uora en

  trare; oue potremmo piu agiatamente parlare inʃieme. Al=

  lhora la bella donna quaʃi ʃdegnando diʃʃe : Romeo io

  tanto u’amo, quanto ʃi poʃʃa perʃona lecitamente amare;

  et piu  ui concedo , di quel che alla mia  honeà non ʃi

  conuerrebbe: et queo fo io d’amore col ualor uoro uin

  ta. Ma ʃe uoi penʃae o per lungo uagheggiarmi, o per

  altro modo, piu oltre come innamorato, dell’amor mio go

  dere; queo penʃiero in tutto laʃciate da parte: che alla fi

  ne in tutto uano il trouarete. et per non tenerui piu ne pe-

  ricoli; ne quali ueggo eʃʃere la uita uora uenendo ogni

  notte per quee  contrade ; ui dico , che quando a uoi

  piaccia d’accettarmi per uora donna; che io ʃon pre=

  a a darmiui tutta; et con uoi in ogni luogo, che ui ʃia in

  piacere, ʃenza alcun riʃpetto uenire. Queo ʃolo bramo

  io , diße  il  giouane : facciaʃi hora .  Facciaʃi riʃpoʃe la

  donna: ma rifacciamolo poʃcia nella preʃenza di frate

  Lorenzo da ʃan Franceʃco mio confeʃʃore;ʃe uolete, che io

  in tutto  et contenta mi  ui  dia .  O , diʃʃe  allei Romeo,

  dunque frate Lorenzo da Reggio è quel, che ogni ʃe=

  creto del cuore uoro ʃa? ʃi, diʃʃe ella; et ʃerbiʃi per

  mia ʃodisfattione a fare ogni nora coʃa dinanzi allui.

  Et quiui poo diʃcreto modo alle lor coʃe, l’un dall’altro

  ʃi dipartì. Era queo frate dellordine minore Philoʃopho

  grande ,  et ʃcientiato di molte coʃe ,  coʃi naturali come

  magiche ; et in tanta amià con Romeo era  che la piu

  retta forʃe in que tempi tra due non ʃi ʃarebbe ritroua=

  ta .  Percioche  uolendo il frate ad un tratto et in buo=

  na openione del ʃciocco uolgo eʃʃere, et di qualche ʃuo

  diletto fruire; gli era conuenuto per forza d’alcun genti=

  le huomo della città  fidarʃi; tra quali egli queo Romeo

  giouane temuto animoʃo et prudente haueua eletto; et allui

  il ʃuo cuore , che  a tutti  gli altri fingendo teneua celato ,

  nudo ʃcoperto haueua. Perche trouatolo, Romeo libera=

  mente gli diʃʃe , come egli deʃideraua d’hauere l’amata

  giouane per donna; et che inʃieme haueuano conituito,

  lui ʃolo douere eʃʃere ʃecreto teimonio delle lor nozze,

  et poʃcia mezzano a douer fare, chel padre di lei a que=

  o  d’accordo conʃentiʃʃe . Il frate di ciò contento  fu;

  ʃi perche a Romeo niuna coʃa harebbe ʃenza ʃuo gran

  danno potuta negare; ʃi ancho perche penʃaua; che for=

  ʃe per mezzo ʃuo ʃarebbe quea coʃa a bene ʃucceduta:

  il che allui di molto honore harebbe dato appo il Signore et

  ogni altro, che haueʃʃe diʃiderato quee due caʃe uedere

  in pace. Et eʃʃendo la quareʃima la giouane un giorno fin=

  gendo di uolerʃi confeʃʃare, al monierio di ʃan France=

  ʃco andata, et in un di que confeʃʃori, che tali frati et maʃ=

  ʃimamente gli oʃʃeruanti anchora uʃano, entrata, fece fra=

  te Lorenzo dimandare. ilquale iui ʃentendola per di dentro

  al conuento inʃieme con Romeo nel medeʃimo confeʃʃoro en=

  trato, et ʃerrato l’uʃcio, una lama di ferro tutta forata; che

  tralla giouane et eʃsi era, leuata uia, diʃʃe allei: Io ui ʃo

  glio ʃempre ueder uolentieri figliuola: ma hor piu che mai

  qui cara mi ʃete : ʃe coʃi è , che il mio meʃʃer Romeo per

  uoro marito uogliate .  Alquale ella riʃpoʃe. Niuna altra

  coʃa piu diʃidero; che d’eʃʃer legitimamente ʃua: et perciò

  ʃono io qui dinanzi al cońʃpetto uoro uenuta, del qual

  molto mi fido; accioche uoi inʃieme con Iddio a quello, che

  d’amore aretta uengo a fare, teimonio ʃiate. Allhora in

  preʃenza del frate, che’l tutto in confeʃsione diceua accet=

  tare, per parola di preʃente Romeo la bella giouane ʃpo=

  ʃò; et dato trallòro ordine d’eʃʃer la ʃequente notte inʃieme,

  baʃciatiʃi una ʃola uolta, dal frate ʃi dipartirono: ilqual ri

  meʃʃa nel muro la ʃua rete, ad altre donne confeʃʃare ʃi

  rimaʃe . Diuenuti i due amanti nella guiʃa , che udito ha=

  uete, ʃecretamente marito et moglie, piu notti del loro amo=

  re felicemente goderono , aʃpettando col tempo di trouar

  modo; per loquale il padre della donna, che a lor diʃide=

  rij contrario eʃʃere ʃapeuano, ʃi poteße placare. Et coʃi an=

  do interuenne, che la fortuna d’ogni mondano, diletto ni=

  mica, non ʃo qual maluagio ʃeme ʃpargendo fece tralle lor

  caʃe la gia quaʃi morta nimià rinuerdire in modo; che

  piu giorni le coʃe ʃotto ʃopra andando ne Montecchi a Cap

  pelletti , ne  Cappelletti a Montecchi ceder uolendo, nel=

  la uia del corʃo ʃ’attaccorono una; uolta inʃieme: oue com=

  battendo Romeo, et alla ʃua donna riʃpetto hauendo, di per=

  cuotere  alcun  della  ʃua  caʃa  ʃi  guardaua ; pure  alla  fi=

  ne eʃʃendo molti de ʃuoi feriti; et quaʃi tutti della ra=

  da cacciati, uinto dalla ira ʃopra Thebaldo Cappelletti

  corʃo ; che il piu  fiero de  ʃuoi nemici pareua;  d’un ʃol

  colpo morto il dieʃe; et gli altri, che gia per la morte

  di coui erano come ʃmarriti, in grandiʃsima fuga riuol=

  ʃe. Era gia ato Romeo ueduto ferire Thebaldo in modo,

  che l’homicidio celare non ʃi poteua: onde data la quere=

  la dinanzi al Signore, ciaʃcun de Cappelletti ʃolamente ʃopra

  Romeo gridaua . perche dalla Giuitia , di Verona in per=

  petuo bandito fu. Hor di qual core quee coʃe udendo la

  miʃera giouane diueniʃʃe ; ciaʃcuna, che bene ami; nel ʃuo

  caʃo col penʃier ponendoʃi il puo di leggieri conʃiderare.

  Ella di continuo ʃi forte piagnea; che niun la poteua rac=

  conʃolare: et tanto era piu acerbo il ʃuo dolore ; quan=

  to meno con perʃona alcuna il ʃuo male ʃcoprire ardiua.

  Dall’altra parte al giouane ʃolo per riʃpetto della donna

  il partirʃi della ʃua patria grauaua: ne uolendoʃene per

  coʃa alcuna partire ʃenza torre dallei commiato; et in ca

  ʃa ʃua andare non potendo, al frate ricorʃe: alquale che

  ella uenir  doueʃʃe , per  un  ʃeruo  del  ʃuo  padre  mol=

  to  amico di Romeo fu   fatto ʃapere : et  ella ui   ʃi con=

  duʃʃe. Et andati amendue nel confeʃʃoro aʃʃai la lor ʃcia=

  gura inʃieme pianʃero , pure alla fine diʃʃe ella allui:

  che faro io ʃenza di uoi? di piu poter uiuere non mi

  da il cuore. meglio ʃarebbe che io con uoi ouunque ue

  ne andae, mi ueniʃsi. io mi accorciero quee chiome ;

  et come ʃeruo ui uerrò dietro: ne da altro meglio o piu

  fedelmente, che da me, potrete eʃʃer ʃeruito. Non piac=

  cia a Dio anima mia cara; che quando meco uenir do=

  uee, in altra guiʃa che in luogo di mia Donna ui menaʃ=

  ʃi ;  diʃʃe allei   Romeo . Ma  percioche  io  ʃon   certo  che

  le coʃe non poʃʃano lungamente in queo modo are, anzi

  che la  pace  tra nori  habbia a ʃeguire  ;  onde anchora

  io la gratia del Signore di leggieri impetrarei; intendo

  che uoi ʃenza me per alcun giorno ui reiate : et po =

  sto che le coʃe ʃecondo che io diuiʃo non ʃuccedeʃʃeno;

  altro partito al uiuer noro ʃi prendera. Et queo de=

  liberato tralloro, abbracciatiʃi, et baʃciatiʃi mille uolte,

  la donna ciaʃcun di lor piagnendo ʃi dipartì; pregando=

  lo aʃʃai, che piu uicino, che egli poteʃʃe, le uoleʃʃe a=

  re ; et non a Roma o a Firenze , come detto haueua ,

  andarʃene. Iui a pochi giorni Romeo, che nel moniero di

  frate Lorenzo era fino allhora ato naʃcoo, ʃi dipartì;

  et a Mantoua come morto ʃi riduʃʃe; hauendo primie=

  ramente  detto al  ʃeruo de la donna,  che cioche di lui

  intorno al fatto di lei in caʃa ʃua udiʃʃe, al frate fa=

  ceʃʃe di ʃubito intendere; et ogni coʃa operaʃʃe di quel,

  che la giouane gli comandaʃʃe con uera fede; ʃe il ri=

  manente del guiderdone promeʃʃogli diʃideraua d’haue=

  re. Partito di molti giorni Romeo, et la giouane ʃem=

  pre lagrimoʃa morandoʃi; il che la ʃua gran bellezza

  faceua mancare; le fu piu fiate dalla madre, che tenera=

  mente l’amaua, con luʃingheuol parole addimandato, qual

  foʃʃe di queo ʃuo pianto la cagione, dicendole; O fi=

  gliuola mia da me al pari della mia uita amata qual

  doglia da poco in qua ti tormenta? onde è, che tu in

  brieue ʃpatio ʃenza pianto non iai; che ʃempre ʃi lie=

  ta eʃʃer ʃoleui? ʃe forʃe alcuna coʃa brami; falla a me

  ʃola paleʃe: che di tutto, purche lecito ʃia, ti faro con=

  ʃolata: non di meno ʃempre deboli ragioni di tal pian=

  to dalla giouane rendute le furono. onde penʃando la

  madre; che in lei uiueʃʃe diʃio d hauer marito; il quale

  per uergogna, o per tema tenuto celato il ʃuo pianto ge

  neraße; un giorno credendo la ʃalute della figliuola cer

  care, et la morte procacciandole, col marito diße: Meße=

  re Antonio io ueggo gia molti giorni quea nora fan=

  ciulla ʃempre piagnere in modo: che ella (come uoi po=

  tete uedere) quella, che eßer ʃoleua, piu non pare: et

  auenga che io molto l’habbia della cagion del ʃuo pian=

  to eßaminata; onde egli uenga, dallei percio ritrarre non

  poßo : ne da che proceda , ʃapere  io da me eßa dire;

  ʃe forʃe per uoglia di maritarʃi; laqual, come ʃaggia fan=

  ciulla, non oʃaʃʃe far paleʃe; ciò non aueniʃʃe. Onde pri

  ma che ella piu ʃi conʃumaʃʃe , direi che foʃʃe buono dar=

  le marito; che ogni modo ella diciotto anni, quea ʃanta Eu

  phemia fornì: et le donne, come quei anni di molto trap=

  paʃʃano, perdono piu too che no, della loro bellezza.

  Oltra che elle non ʃono mercatantia da tener molto in ca=

  ʃa: quantunque io la nora in ueruno atto ueramente non co

  noʃceʃsi mai altro, che honeiʃsima. la dote ʃo io che ha=

  uete gia piu di apparecchiata: ueggiamo dunque di darle

  condeceuole marito. Meʃʃer Antonio riʃpoʃe, che ʃaria

  ben fatto il maritarla. et commendò molto la figliuola;

  che hauendo queo diʃio, uoleʃʃe prima fra ʃe eʃʃa affli=

  gerʃene; che allui, o alla madre richiea farne: et fra po=

  chi di cominciò con un de conti da Lodrone trattar le nozze:

  et gia quaʃi per conchiuderle eʃʃendo ,  la madre   credendo

  alla figliuola grandiʃʃimo piacer fare le diʃʃe: Rallegrati

  hoggimai figliuola mia; che uon guari di tempo paʃʃerà,

  che tu ʃarai ad un gentilhuomo degnamente maritata: et

  ceʃʃera la cagion del tuo pianto: laquale auenga che tu non

  m’habbia uoluto dire; pur per gratia di Dio l’ho compre=

  ʃa: et coʃi col tuo padre ho io operato, che ʃarai contenta.

  Allequai parole la bella giouane non potè ritenere il pianto:

  onde la madre allei diʃʃe  :  Credi che  io ti dica  bugia ?

  non paßaranno otto giorni, che tu ʃerai d’un bel donzello

  della caʃa di Lodrone moglie. La giouane a queo parla=

  re piu forte raddoppiaua il pianto: perche la madre luʃin=

  gandola diʃʃe: Dunque figliuola mia non ʃarai conten-

  ta ? alla quale ella riʃpoʃe. Mai no madre, che io non ne

  ʃaro contenta. A queo ʃoggiunʃe la madre: Che uorrei

  dunque ? dillo a me; che ad ogni coʃa per te diʃpoa ʃono.

  diʃʃe allhor la giouane. Morir uorrei, et non altro. In queo

  dire madonna Giouanna (che coʃi era la madre nomata) la=

  qual ʃauia donna era; compreʃe la figliuola d’amore eʃʃere

  acceʃa: et riʃpoole non ʃo che dallei ʃi ʃeparò. Et la ʃera ue

  nuto il marito, gli narrò cioche la figliuola piangendo riʃpoo

  l’haueua: il che molto gli ʃpiacque: et penʃò che foʃʃe ben

  fatto, prima che piu innanzi le nozze di lei ʃi trattaʃʃero; ac=

  cioche in qualche uergogna non ʃi cadeʃʃe; d’intender d’in=

  torno a queo qual foʃʃe la openione ʃua: et fattalaʃi un

  giorno uenire innanzi le diʃʃe: Giulietta (che coʃi era della

  giouane il nome) io ʃon per nobilmente maritarti: non ne ʃa=

  rai contenta figliuola? alquale la giouane alquanto dopo il

  dir di lui taciutaʃi riʃpoʃe: Padre mio no, che io non ne ʃa=

  ro contenta. Come, uuoi dunque monaca farti? diʃʃe il pa=

  dre . et ella Meʃʃer non ʃo ; et con le parole le lagrime ad

  un tempo mandò fuori: alla quale il padre diʃʃe: Queo ʃo

  io che non uuoi: donati dunque pace: che io intendo d’ha=

  uerti in un de conti da Lodrone maritata. Alqual la gioua=

  ne forte piangendo riʃpoʃe :  Queo non fie mai . Allhora

  meʃʃer Antonio molto turbato ʃopra la perʃona aʃʃai la mi=

  nacciò; ʃe al ʃuo uolere ardiʃʃe mai piu di contradire; et ol

  tra queo ʃe la cagion del ʃuo pianto non faceua manifea:

  et  non  potendo dallei altro  che  lagrime  ritrarre ;  oltra

  modo ʃcontento  con  madonna  Giouanna  la laʃciò ; ne

  doue   la figliuola l’animo haueʃʃe  ,  accorger ʃi pote.

  Haueua la giouane al ʃeruo, che col ʃuo padre aua; il

  quale del ʃuo amore conʃapeuole era, et che Pietro haueua

  nome; cioche la madre le diʃʃe, tutto ridetto; et in pre=

  ʃenza di lui giurato, che ella anzi il ueleno uoluntaria=

  mente berrebbe; che prender mai, anchor che ella poteʃʃe,

  altri , che Romeo per marito . del che Pietro particolar=

  mente ʃecondo l’ordine per uia del  frate  n’hauea  Ro=

  meo auiʃato; et egli alla Giulietta ʃcritto; che per coʃa

  alcuna al ʃuo maritare non conʃentiʃʃe , et meno il loro

  amore faceʃʃe aperto: che ʃenza alcun dubbio fra otto, o

  dieci giorni egli prenderebbe modo di leuarla di caʃa il

  padre. Ma non potendo meßer Antonio et madonna Gio

  uanna inʃieme ne per luʃinghe ne per minaccie dalla fi=

  gliuola la cagion perche non ʃi uoleʃʃe maritare intende=

  re; ne per altro ʃentiero trouando di cui ella innamora=

  ta foʃʃe; et hauendole piu fiate madonna Giouanna det=

  to :  Vedi figliuola non piagnere horamai piu ; che ma=

  rito a tua poa ti ʃi dara ;  ʃe quaʃi  uno  de  Montec=

  chi uoleʃsi: il che  ʃon certa che non uorrai . et la Giu

  lietta mai altro , che ʃoʃpiri ; et lagrime, non le reʃpon

  dendo in maggior ʃoʃpetto entrati deliberarono di con=

  chiuder piu too che ʃi poteʃʃe le nozze ; che trallei et

  il Conte da Lodrone trattate haueuano. Il che intenden

  do la giouane doloroʃiʃsima ʃopra modo ne diuenne . ne

  ʃapendo che ʃi fare la morte mille uolte al giorno diʃide

  raua: pur di fare intendere il ʃuo dolore a frate Loren=

  zo fra ʃe eʃʃa deliberò; come a perʃona, nellaquale do=

  po Romeo piu, che in altra ʃperaua; et che dal ʃuo aman

  te haueua udito, che molte gran coʃe ʃapeua fare. onde

  a madonna Giouanna un giorno diʃʃe: Madre mia io non

  uoglio  , che uoi marauiglia prendiate , ʃe io cagion  del

  mio  pianto non ui dico : percioche  io eßa non lal ʃo,

  ma ʃolamente di continuo in me ʃento una ʃi fatta ma=

  ninconia: che non che l’altre coʃe, ma la propria uita no=

  ioʃa  mi rende ; ne onde ciò m’auenga ,  ʃo fra me pen=

  ʃare , non che a uoi , o al padre mio dire il poʃʃa : ʃe da

  qualche peccato commeʃʃo, che io non mi ricordaʃʃe, ciò

  non m’aueniʃʃe .  Et perche la paʃʃata  confeʃsione molto

  mi giouò; io uorrei piacendo a uoi racconfeʃʃarmi: accio

  che quea Paʃqua di Maggio , che è uicina, poteʃsi in  ri

  medio  de miei dolori riceuer  la ʃoaue medicina del ʃa=

  crato corpo del noro Signore. A cui madonna Giouan=

  na diʃʃe , che era contenta . Et iui a due giorni menata=

  la a ʃan Franceʃco dinanzi a frate Lorenzo la poʃe: il

  quale prima molto pregato haueua, che la cagione del

  ʃuo pianto nella confeʃsione cercaʃʃe d’intendere. La gio

  uane come la madre da ʃe allargata uide; coʃi di ʃubito

  con mea uoce al frate tutto il ʃuo affanno raccontò: et

  per  lo  amore et cariʃsima amià , che trallui et Romeo

  ella ʃapeua che era, il pregò, che a queo ʃuo maggior

  biʃogno aita porgere le uoleʃʃe. Alla quale il frate diʃʃe:

  Che poʃʃo io farti figliuola mia in queo caʃo tanta ni=

  mià tralla tua caʃa et quella del tuo marito eʃʃendo?

  diʃʃe allui la mea giouane: Padre io ʃo che ʃapete aʃʃai

  coʃe fare ; et a mille guiʃe mi potete aiutare , ʃe ui pia=

  ce: ma ʃe altro bene fare non mi uolete; concedetemi al=

  men queo: Io ʃento preparare le mie nozze ad un palagio

  di mio padre : il quale fuori  di quea terra da due  miglia

  uerʃo Mantoua è; oue menar mi debbono, accioche io men

  baldanza di rifiutare il nuouo  marito  habbia : et la, doue

  non prima ʃaro ; che colui, che ʃpoʃare mi dee , ui giunge=

  ra : datemi tanto ueneno, che inʃieme poʃʃa me de tal do=

  glia et Romeo da tanta uergogna liberare: ʃe non con mag

  gior mio incarico  et ʃuo dolore un coltello in me eʃʃa ʃan

  guinero . Frate Lorenzo udendo l’animo di coei tale eʃʃe=

  re , et penʃando quanto egli nelle mani  di Romeo  anchor

  foʃʃe ; ilquale   ʃenza  dubbio nimico  gli diuerrebbe , ʃe  a

  queo caʃo non prouedeʃʃe ; alla giouane  coʃi diʃʃe : Ve=

  di Giulietta , io confeʃʃo , come tu ʃai , la metà  di quea

  terra; et in buon nome ʃono appo ciaʃcuno; ne teamento

  o pace niuna ʃi fa, ch’io non u’interuenga; per laqualcoʃa

  non uorrei in qualche ʃcandalo incorrere , o  che s’inten=

  deʃʃe  che  io foʃsi interuenuto in quea coʃa giamai, per

  tutto l’oro del mondo: pur perche io amo te et Romeo in=

  ʃieme ; mi diʃporrò a  far  coʃa , che mai  per alcuno altro

  non feci ; ʃi ueramente ,che  tu  mi prometterai di tener=

  mene   ʃempre  celato .  Alqual  la  giouane  riʃpoʃe : Pa=

  dre datemi pur ʃecuramente queo ueneno: che mai al=

  cuno  altro  che  io  nol  ʃapera  .  Et  egli allei  :  Veneno

  non ti daro io figliuola: che troppo gran peccato ʃareb=

  be , che tu  coʃi  giouanetta et bella ti moriʃsi. ma quan=

  do  ti   dia il  cuore  di  fare  una  coʃa, che io ti   diro ; io

  mi  uanto  di guidarti  ʃicuramente  dinanzi al tuo Ro==

  meo. Tu  ʃai che l’Arca de tuoi Cappelletti fuori di  que=

  a chieʃa nel noro cimitero è poa. io ti daro una pol=

  uere; laqual tu beendola per quarantaotto hore; ouer po=

  co  piu  o  poco meno , ti  fara  in guiʃa dormire ; che ogni

  huomo per gran medico, che egli ʃia non ti giudicara mai

  altro  che  morta . tu  ʃerai  ʃenza alcun dubbio , come ʃe

  foʃsi di quea uita paʃʃata , nella detta Arca ʃepellita: et

  io quando tempo fie, ti uerro a trarne fuori; et terrotti nel=

  la mia cella, fin che al capitolo, che noi facciamo in Man=

  toua, io  uada ;che fie too: oue traueita nel  noro ha=

  bito al tuo marito ti menero . Ma  dimmi non temerai tu ;

  del  corpo  di  Thebaldo tuo cugino ; che poco ha, che iui

  entro fue ʃepellito?  La giouane  gia tutta lieta diʃʃe: Pa=

  dre  ʃe  io  per  tal uia  peruenir  doueʃsi a Romeo; ʃenza

  tema ardirei di paʃʃar per lo Inferno. Horʃu dunque diʃʃe

  egli , poi  che coʃi  ʃei diʃpoa, io  ʃon contento di aitarti.

  ma prima che coʃa alcuna ʃi faceʃʃe, mi parria, che di tua

  mano a Romeo la coʃa tutta interamente ʃcriueʃsi: accioche

  egli morta credendoti in qualche rano caʃo per diʃperatio=

  ne non incorreʃʃe : perche io  ʃo , che egli ʃopra modo t’ama .

  io ho   ʃempre frati , che uanno a Mantoua; oue  egli , come

  ʃai , ʃi ritroua . fa che io habbia la lettra; che per fidato meʃ

  ʃo  allui la  mandero . Et detto  queo il buon frate  ; ʃenza

  il mezzo de quali niuna gran coʃa a perfetto fine conducer=

  ʃi  ueggiamo ; la giouane  nel  confeʃʃoro laʃciata  alla  ʃua

  cella  ricorʃe :  et  ʃubito  allei  con  un picciol  uaʃetto  di

  poluere ritornò , et  diʃʃe : Te  quea polue: et quando ti

  parra , nelle tre o nelle quattro hore di notte, inʃieme con

  acqua cruda ʃenza tema la berai: che dintorno ʃei comin=

  ciera operare ; et  ʃenza fallo il  noro diʃegno ci riuʃcira.

  ma non ti dimenticar percio di mandarmi la lettera, che

  a  Romeo  dei ʃcriuere: che importa aʃʃai .  La Giulietta

  preʃa la poluere alla madre tutta lieta ritornò, & diʃʃele:

  Veramente madonna, frate Lorenzo è il miglior confeʃʃo=

  re  del mondo. egli m’ha ʃi racconfortata; che la paʃʃata

  triitia piu non mi ricordo . Madonna Giouanna per la

  allegrezza  della figliuola  men tria  diuenuta riʃpoʃe:

  In buona hora figliuola mia, farai, che anchor tu raccon

  ʃoli lui alle uolte con la nora elimoʃina: che poueri fra=

  ti  ʃono : et  coʃi parlando  ʃe ne  uennero  a caʃa loro.

  Gia era dopo quea confeʃʃione fatta tutta allegra la Giu

  lietta  in modo , che meʃʃere Antonio et madonna Giouan

  na ogni ʃoʃpetto, che  ella foʃʃe innamorata, haueuan  la=

  ʃciato: et credeuano, che  ella per irano et manincono=

  ʃo accidente haueʃʃe i preteriti pianti fatti: et uolentieri

  l’harebbono laʃciata are coʃi per allhora ʃenza piu di=

  re di darle marito. Ma tanto a dentro in queo fatto era=

  no  andati ; che piu tornare a  dietro  ʃenza incarico non

  ʃi  poteua . onde uolendo il Conte da Lodrone, che alcun

  ʃuo  la  donna uedeʃʃe ; eʃʃendo  madonna Giouanna al=

  quanto cagioneuole della perʃona, fu ordinato, che la gio

  uane  accompagnata  da  due  zie di  lei a quel luogo del

  padre , che  hauemo nominato, poco fuori della città an=

  dar  doueʃʃe: a che  ella niuna reʃientia fece, et andoui.

  Oue  credendo la  Giulietta che il padre coʃi all’improui=

  ʃo l’haueʃʃe fatta andare, per darla di ʃubito  in mano al

  ʃecondo ʃpoʃo; et hauendo  ʃeco portata la poluere, che il

  frate le diede, la notte uicino alle quattro hore; chiamata

  una ʃua fante; che ʃeco alleuata s’era, et che quaʃi come ʃo:

  rella teneua, fattoʃi dare una coppa d’acqua fredda, dicen=

  do che per gli cibi della ʃera auanti ʃete ʃoeneua; et poo=

  le dentro la uirtuoʃiʃʃima poluere , tutta la ʃi bebbe . Et da=

  poi in preʃenza della fante et d’una ʃua zia che u’era, diʃʃe:

  Mio padre per certo contra mio uolere non mi dara marito,

  s’io potro. Le donne, che di groʃʃa paa erano, anchor che

  ueduto l’haueʃʃero bere lapolue, laqual per rifreʃcarʃi  ella

  diceua porre nell’acqua; et haueʃʃero udite quee parole;

  non percio le inteʃero, o ʃoʃpicarono d’alcuna coʃa; et tor=

  naronʃi a dormire. La Giulietta ʃpento il lume, et partita

  la fante, fingendo di leuarʃi per alcuna opportunita natura=

  le , del letto ʃi leuò; et tutta de ʃuoi panni ʃi riueì; et tor=

  nata nel letto come s’haueʃʃe creduto morire, coʃi compoʃe

  ʃopra quello il corpo  ʃuo meglio che ella ʃeppe: et le mani

  ʃopra il petto poe in croce aʃpettaua che’l beueraggio ope=

  raʃʃe: il qual poco oltre due hore ette a renderla come mor

  ta .  Venuta la mattina , et il Sole gran pezza  ʃalito eʃʃen=

  do, fu la giouane nella  guiʃa , che detto u’ho , ʃopra il ʃuo

  letto ritrouata; et eʃʃendo uoluta ʃuegliare, ma non ʃi poten=

  do, et gïa quaʃi tutta fredda trouandola, ricordandoʃi la zia

  et la fante dell’acqua et della poluere, che la notte beuuta

  haueua, et delle parole dallei dette, et piu uedendola eʃ

  ʃerʃi ueita, et da ʃe eʃʃa ʃopra il letto a quel modo rac=

  concia; la poluere ueneno, et lei morta ʃenza alcun dub=

  bio giudicarono. Il rumor tralle donne ʃi leuò grandisʃimo,

  et il pianto , maʃsimamente per la ʃua fante : laqual ʃpeʃʃo

  per nome  chiamandola diceua: O madonna queo è quel,

  che diceuate, mio padre contra mia uoglia non mi maritera.

  Voi mi domandae  con inganno la fredda  acqua ; laquale

  la uora dura morte a me apparecchiaua.  O miʃera me di

  cui prima mi  dorrò ? della morte , o di me eʃʃa  ?  Io ʃola

  et uoi et me , il uoro padre et la uora madre ad un tratto

  hauero morto. Deh perche ʃprezzae morendo la compagnia

  d’una uora ʃerua; laqual uiuendo coʃi cara morae d’ha

  uere? che coʃi, come io ʃempre con uoi uolentieri uiuuta ʃono,

  coʃi ancho con uoi uolentieri morta ʃarei: et coʃi dicendo ʃa=

  lita ʃopra il letto la come morta giouane retta abbracciaua.

  Meʃʃer Antonio , ilquale non lontano  era , il rumore  udito

  tutto tremante nella camera della figliuola corʃe: et uedu=

  tala ʃopra il letto are, et inteʃo cioche beuuto et detto ha=

  ueua; quantunque morta la imaße; pure a ʃua ʃodisfattio=

  ne preamente per un ʃuo medico, che molto nella ʃua caʃa

  uʃaua, a Verona mandò: ilqual uenuto , et ueduta , et al=

  quanto tocca la giouane, diße lei eʃʃere gia piu hore per lo

  beuuto ueneno di quea uita paßata. ilche udendo il trio

  padre in dirottiʃʃimo pianto entrò. La mea nouella alla in

  felice madre in poco ʃpatio peruenne : laqual da  ogni  uital

  calore abbandonata come morta cadde: et riʃentitaʃi con un

  feminile  grido , quaʃi  fuori del ʃenno diuenuta , tutta per=

  cotendoʃi, chiamando per nome la amata figliuola empiea

  di lamenti il Cielo ; dicendo : io  ti ueggo  morta o mia  fi=

  gliuola ʃola requie della mia uecchiezza. et come m’hai o

  crudele potuto laʃciare, ʃenza dar modo alla tua/ miʃera

  madre di udire le ultime tue parole? almen foʃʃe io ata a

  ʃerrare i tuoi begli occhi. O cariʃʃime donne, che a me pre=

  ʃenti ʃete; aitatemi morire; et ʃe in uoi alcuna pieta uiue, le

  uore  mani prima che il mio dolore , mi ʃpengano . Et tu

  grande Iddio del Cielo ; poi che ʃi too come uorrei ; non

  poʃʃo morire; con la tua ʃaetta togli me a me eʃʃa odioʃa.

  Coʃi eʃʃendo da alcuna  donna  ʃolleuata , et  ʃopra  il ʃuo

  letto poa, et da altre con aßai parole confortata, non re=

  aua di piagnere amaramente, et di dolerʃi. Appreßo tol=

  ta la giouane del luogo, oue ella era, et a Verona portata,

  con eßequie grandi et horreuoliʃsime da tutti e ʃuoi paren=

  ti et amici pianta, nella detta Arca nel cimiterio di ʃan Fran

  ceʃco per morta  fu ʃepellita. Hauea frate Lorenzo; ilqua=

  le per alcuna biʃogna del moniero poco fuori della citta

  era andato ; la lettera, che la Giulietta ʃcriʃʃe , et che egli

  a Romeo mandar doueua, data ad un frate, che a Manto=

  ua andaua : ilquale giunto nella citta ; et eʃʃendo due o

  tre uolte ala caʃa di Romeo ato, ne per ʃua gran ʃciagu=

  ra trouatolo mai in caʃa, et non uolendo la lettera ad al=

  tri  che  allui  proprio  dare  ,  anchora  in mano l’hauea;

  quando Pietro credendo morta la Giulietta, quaʃi diʃpe=

  rato , non trouando fra Lorenzo in Verona , deliberò di

  portare  egli eʃʃo a Romeo  coʃi mala nouella ; quan=

  to la morte della ʃua donna penʃaua che eʃʃere gli do=

  ueʃʃe  . Perche tornato  la ʃera fuori  della citta al luo=

  go del ʃuo patrone, la notte ʃeguente ʃi uer Mantoua ca=

  minò  , che la mattina per  tempo ui  giunʃe  : Et troua =

  to  Romeo;  che  anchora  dal frate la lettera della don=

  na riceuuta  non haueua; piagnendo gli raccontò, come

  la Giulietta morta haueua ueduta ʃepellire; et cioche per lo

  adietro ella haueua et fatto et detto, tutto gli raccontò. Il=

  quale queo udendo pallido, et come morto diuenuto tira=

  ta fuori la ʃpada ʃi uolle ferire per ucciderʃi. pur da Pietro

  ritenuto diʃʃe : La uita mia in ogni modo piu molto lunga

  eʃʃer  non puote ; poʃcia che la propria vita è morta  . O

  Giulietta mia io ʃolo ʃono ato della tua morte cagione:

  percioche , come io ti ʃcriʃʃi, a leuarti dal Padre tuo non

  uenni. tu per non abbandonarmi morir uolei: et io per te=

  ma della morte uiuero  ʃolo ? queo non fie mai. Et a Pie=

  tro riuolto, donatogli un bruno ueimento, che egli in doßo

  hauea diʃʃe : Vanne Pietro mio . Indi partitoʃi Romeo , et

  ʃolo ʃerratoʃi, ogni altra coʃa men tria  che  la  uita pa=

  rendogli , quel , che  di  ʃe eʃʃo  far  doueße, molto pen=

  ʃò : et  alla fine come contadino ueitoʃi, et una guaa=

  detta d’acqua di ʃerpe  ,  che di buon  tempo in una  ʃua

  caʃʃa per qualche  ʃuo biʃogno  ʃerbata hauea , tolta , et

  nella manica meʃʃalaʃi, a uenir uerʃo  Verona ʃi miʃe, fra

  ʃe penʃando et deʃiderando, ouer per mano della giuitia,

  ʃe trouato foʃʃe, rimaner della uita priuato (ʃolo che la morte

  piu horreuole foʃʃe ata) ouer nell’Arca, laqual molto ben

  ʃapeua doue era, con la ʃua donna rinchiuderʃi, et iui mo=

  rire. A queo ultimo penʃiero ʃi gli fu la fortuna fauoreuo=

  le; che la ʃera del  dì ʃeguente, che la donna era ata  ʃe=

  pellita, in Verona ʃenza eʃʃer da perʃona conoʃciuto entrò;

  et aʃpettata la notte, et gia ʃentendo ogni parte di ʃilentio

  piena , al luogo de frati minori, oue l’Arca era, peruenne.

  Non haueuano anchora quei frati conuentuali il luogo di

  ʃan Fermo in Verona: ne gli altri oʃʃeruanti da eʃʃi diui=

  dendoʃi haueuan quello di ʃan Bernardin fondato: ma in

  una Chieʃetta del nome di ʃan Franceʃco intitolata; nella

  quale egli gia ette, et nella Cittadella anchor ʃi uede; la

  ʃua uera regola a nori tempi dal loro licentioʃo uiuere gua

  a perfettamente oʃʃeruando inʃieme dimorauano: preʃʃo le

  mura dellaquale dal canto di fuori erano allhora appoggia=

  ti  certi Auelli  di pietra; come  in molti  luoghi fuori  delle

  chieʃe ueggiamo: uno de quali antica ʃepoltura  di tutti  e

  Cappelletti  era; et nelquale  la bella giouane ʃi  aua. A

  queo accoatoʃi Romeo (che d’intorno le quattro hore eʃʃer

  poteua) et come huomo di  gran nerbo che egli era, per for=

  za il  coperchio leuatogli, et con  certi legni a ciò diʃpoi ,

  che ʃeco portati haueua, in modo puntellato hauendolo, che

  contra ʃua uoglia chiuder non  ʃi poteua; dentro u’entrò , et

  lo richiuʃe .  Hauea  ʃeco  il ʃuenturato giouane recato  una

  lume  orba, per poter  la  ʃua  donna alquanto uedere: la=

  qual leuati i puntelli , et rinchiuʃoʃi nell’Arca, di ʃubito ti=

  ro fuori , et aperʃe: Et iui la ʃua bella Giulietta ʃopra oʃʃa

  et racci di  molti morti, come morta, uide giacere. Onde

  immantenente  forte piagnendo coʃi cominciò a dire: O oc=

  chi; che  a  gli  occhi mie foe, mentre  al Cielo  piacque ,

  chiare luci: O bocca da me mille uolte ʃi dolcemente baʃcia=

  ta, et dallaquale coʃi  ʃaggie parole ʃi udiuano : O bel pet=

  to, che’l mio cuore in tanta letitia albergai: oue io hora

  ciechi, muti, et freddi ui ritrouo? come ʃanza di uoi ueggo,

  parlo, o uiuo? O miʃera mia donna oue  ʃei d’Amore  con=

  dotta?ilquale uuole che poco ʃpatio due trii amanti et ʃpen

  ga et alberghi . Oime queo non mi promiʃe la ʃperanza et

  quel deʃio, che del tuo amore primieramente m’acceʃero.

  O ʃuenturata mia uita a che ti reggi? et coʃi dicendo gli

  occhi, la bocca, et il petto le baʃciaua ogni hora in maggior

  pianto abbondando; nel  qual diceua: O  ʃaʃʃo, che  ʃopra

  mi ʃei, perche addoßo cadendomi non fai uie piu brieue la

  mia uita? ma percioche la morte in liberta d’ogniuno eßer

  ʃi uede; uiliʃʃima coʃa per certo è diʃiderarla, et non prender=

  laʃi : et coʃi l’ampolla, che con l’acqua  uenenoʃa nella ma=

  nica haueua, tirata fuori parlando ʃeguì: Io non ʃo qual de

  ino ʃopra i miei nimici et da me morti nel lor ʃepolchro a

  morire mi condanni . ma poʃcia che o mia anima preʃʃo alla

  donna nora coʃi gioua il morire hora, moriamo: Et in  quel=

  la poaʃi a bocca la cruda acqua nel ʃuo petto tutta la riceuet=

  te. Dapoi  preʃa l’amata giouane nelle braccia forte ringen=

  dola , diceua: O bel corpo ultimo  termine d’ogni mio  diʃio

  ʃe alcun ʃentimento dopo il partir dell’anima t’è reato; o

  ʃe ella il mio crudo morir uede; priego, che non le diʃpiac=

  cia, che non hauendo io teco poturo lieto et paleʃe uiuere,

  almen ʃecreto et meo teco mi moia; et molto retta tenen=

  dola la morte aʃpettaua . Gia era  giunto l’hora; che il ca=

  lor della giouane la fredda, et potente uirtu della poluere

  doueʃʃe hauere einta; et ella ʃuegliarʃi. perche retta et

  dimenata da Romeo nelle ʃue braccia ʃi deò; et riʃentita=

  ʃi  dopo un gran ʃoʃpiro diße  :  Oime oue  ʃon  io? chi  mi

  ringe? miʃera me chimi baʃcia? et credendo che quei

  frate Lorenzo foʃʃe, gridò: A queo modo frate ʃerbate la

  fede a Romeo? a queo modo allui mi condurrete ʃicura?

  Romeo la donna uiua ʃentendo forte ʃi marauigliò; et forʃe

  di Pigmalion ricordandoʃi diʃʃe :  Non mi conoʃcete o dol=

  ce donna mia? non uedete che io il trio uoro ʃpoʃo ʃono,

  per morire appo uoi, da Mantoua qui ʃolo et ʃecreto uenu=

  to? La Giulietta nel monimento uedendoʃi, et in braccio ad

  uno; che diceua eʃʃere Romeo ʃentendoʃi, quaʃi fuori di ʃe

  eßa era: et da ʃe alquanto ʃoʃpintolo, et nel uiʃo guatato=

  lo, et ʃubito racconoʃciutolo, abbracciandolo mille baʃci gli

  donò; et poi  gli diʃʃe : Qual ʃciochezza  ui fece qua  entro

  et con tanto pericolo entrare? non ui baaua egli per le mie

  lettere hauere inteʃo, come io mi douea con lo aiuto di fra=

  te Lorenzo fingere morta; et che di brieue ʃarei ata con uoi?

  Allhora il trio giouane accorto del ʃuo gran fallo incomin=

  ciò: O miʃera la mia ʃorte, o sfortunato Romeo, o uie piu

  di tutti altri amanti doloriʃsimo; io  diciò  uore  lettere

  non hebbi giamai: et quiui le raccontò, come Pietro la ʃua

  non uera morte per uera gli diße: onde credendola morta

  haueua per farle morendo compagnia iui preßo lei tolto il

  ueneno; ilqual come acutiʃʃimo ʃentiua, che per tutte le mem=

  bra la morte gli cominciaua mandare. La ʃuenturata fan=

  ciulla queo udendo ʃi dal dolore uinta reò; che altro, che

  le belle ʃue chiome et l’innocente petto batterʃi et racciar=

  ʃi fare non ʃapeua: et a Romeo, che gia riʃupino caduto era,

  baʃciandolo ʃpeʃʃo un mare delle ʃue lagrime ʃpargere ʃopra:

  et eʃʃendo piu pallida, che la cenere diuenuta tutta treman=

  te diʃʃe: Dunque nella mia preʃenza et per mia cagion do=

  uete Signor mio  morire ? Et il Cielo  patira, che dopo uoi

  (ben che poco)  io uiua ?  Miʃera me almeno a uoi la mia

  uita poteʃsi io donare, et ʃola morire: alloquale il gioua=

  ne  con uoce languida riʃpoʃe: Se la mia fede e’l mio amo=

  re mai caro  ui  fu; per quello  ui priego, che dopo me non

  ui ʃpiaccia la uita ʃe non per altra cagione; almen per po=

  ter penʃare  di  colui; che del uoro  amore preʃo per  uoi

  dinanzi a uoi  ʃi more. A queo riʃpoʃe la donna : Se  uoi

  per la mia finta morte morite; che debbo io per la uora

  non finta fare ?  dogliomi ʃolo, che io qui hora  dinanzi a

  uoi non habbia di morire il modo; et a me eßa, percioche

  io uiuo , odio porto. ma io ʃpero bene che in poco  ʃpatio ,

  ʃi come ata ʃon cagione, coʃi ʃaro della uora morte com=

  pagna: et con fatica quee parole finite tramortita ʃi cadde.

  Et appreʃʃo riʃentitaʃi andaua miʃeramente con la bella boc

  ca  gli eremi  ʃpiriti  del  ʃuo caro  amante  raccogliendo;

  ilqual uerʃo il ʃuo fine a  gran  paʃʃo  caminaua. In  queo

  tempo hauea frate Lorenzo inteʃo, come et quando la gioua=

  ne la poluere beuuta haueʃʃe; et che per morta era ata ʃe=

  pellita: et ʃapendo il termine eʃʃer giunto , nel quale la det=

  ta poluere la ʃua uirtu finiua; preʃo uno ʃuo fidato compa=

  gno forʃe una hora innanzi al giorno all’Arca per trarne la

  donna ʃe ne uenne: allaqual giungendo, et ella piagnere

  et dolerʃi udendo, per la feʃʃura del coperchio mirando, et

  un lume dentro uedendoui, merauigliatoʃi forte, penʃò che

  la giouane a qualche guiʃa la lucerna con eʃʃo lei iui dentro

  portata haueʃʃe; et che ʃuegliataʃi per tema d’alcun morto,

  o forʃe di non rear ʃempre in quel loco rinchiuʃa, ʃi ra=

  maricaʃʃe, et piagneʃʃe in tal modo. Et con l’aita del com=

  pagno preamente aperta la ʃepoltura uide la Giulietta; la

  qual tutta ʃcapigliata. et dolente s’era in ʃedere leuata, et il

  quaʃi morto amante nel ʃuo grembo recato s’hauea: allaquale

  egli diʃʃe: Dunque temeui tu figliola mia, ch’io qui dentro

  ti laʃciaʃsi morire? et ella il frate udendo, et il pianto rad

  doppiando riʃpoʃe: Anzi temo io, che uoi con la mia uita me ne

  cauiate. Deh per la pieta di Dio riʃerrate il ʃepolchro, et an=

  dateuene in guiʃa, che io qui mi muoia: ouer porgetemi un

  coltello; che io nel mio petto ferendo di doglia mi tragga.

  O Padre mio, o padre mio ben mandae la lettera. ben ʃa=

  ro io maritata. ben mi guidarete a Romeo. uedetelo qui

  nel mio grembo gia morto: et raccontandogli tutto il fatto

  gliele morò. frate Lorenzo quee coʃe udendo come inʃen

  ʃato ʃi aua; et mirando  il giouane; ilqual  per  paʃʃar di

  quea all’altra uita era, forte piagnendo lo chiamò, dicen=

  do : O Romeo qual ʃciagura mi ti toglie? parlami  alquan=

  to : drizza a me un poco gli occhi tuoi . O Romeo uedi la

  tua cariʃsima Giulietta; che ti prega che la miri. perche non

  riʃpondi almeno allei; nel cui bel  grembo ti giaci? Romeo

  al caro nome della ʃua donna alzò alquanto i languidi occhi

  dalla uicina morte grauati; et uedutala gli richiuʃe; et po=

  co dapoi tutto torcendoʃi  fatto un brieue  ʃoʃpiro ʃi morì.

  Morto nella guiʃa, che diuiʃato u’ho il miʃero amante, do=

  po molto pianto gia uicinandoʃi il giorno, diʃʃe il frate al=

  la giouane .  Et tu Giulietta  che farai? laqual toamente

  riʃpoʃe ; morrommi qui entro . Come  figliuola , diʃʃe egli ,

  non dire  coʃi : eʃci pur fuori. che come che io  non ʃappia

  che di te farmi; pur non ti manchera il richiuderti in qual=

  che ʃanto moniero; et iui pregar ʃempre Dio per te et per

  lo morto  tuo ʃpoʃo , ʃe biʃogno ne  ha . alqual diʃʃe la don

  na: Padre altro non ui dimando io , che quea gratia; la

  qual per lo amor, che uoi alla felice memoria di coui por=

  tae (et morogli Romeo) mi farete uolentieri: et queo fie

  di non far mai paleʃe la nora morte: accioche i nori  cor=

  pi poʃʃano inʃieme ʃempre in queo ʃepolchro are. et ʃe per

  caʃo il morir noro ʃi riʃapeʃʃe; per lo gia detto amore ui ri=

  priego, che i nori miʃeri padri in nome di ambo noi uoglia=

  te pregare; che quelli; i quali amore in uno ieʃʃo fuoco ar=

  ʃe, et ad una ieʃʃa morte  conduʃʃe ; non ʃia  lor graue  in

  uno ieʃʃo ʃepolchro laʃciare. Et uoltataʃi al giacente cor=

  po di  Romeo; il cui capo ʃopra uno origliere, che con  lei

  nell’Arca era ato laʃciato, poo haueua; gli occhi meglio

  rinchiuʃi hauendogli, et di lagrime il freddo uolto bagnan=

  dogli diʃʃe : Che debbo io ʃenza te in uita piu  fare Signor

  mio? et che altro mi rea uerʃo te, ʃe non con la mia mor=

  te  ʃeguirti ? niente altro certo: accioche date , dalquale la

  morte ʃolo mi poteua ʃeparare, la ieʃʃa morte ʃeparare non

  mi poʃʃa. Et detto queo la ʃua gran ʃciagura nell’animo re

  cataʃi, et la perdita del caro amante ricordandoʃi, delibe=

  rando  di piu non uiuere ; raccolto a  ʃe lo ʃpirito , et per

  buono ʃpatio tenutolo, ʃopra il morto corpo morta ricadde.

  Frate Lorenzo dapoi che la giouane morta conobbe, per mol

  ta pieta tutto ordito non ʃapeua egli eʃʃo che farʃi; et in=

  ʃieme col compagno dal dolore uinto anchor ʃopra i morti

  amanti piagnea: quando furono d’alcuni uicini , che per tem

  po leuati s’erano, ʃopra quea Arca ueduti col lume, et co=

  noʃciuti: onde alcun di loro immantenente queo fatto a Cap

  pelletti rapportò : i quali  furon  preamente  dinanzi al  Si=

  gnore pregando, che egli per forza di tormento (ʃe altrimen=

  ti non ʃi poteua) uoleʃʃe dal frate ʃapere quello , che nella lo

  ro ʃepoltura a quella hora cercaua , tanto piu, che eʃsi il ʃa=

  peuano  de  loro inimici  amico . Il Signor  poe le guardie ,

  chel frate partir non ʃi  poteße, mando  per lui: alquale ue=

  nutogli innanzi diʃʃe: Che cercauate domine a mane nella

  ʃepoltura  de Cappelletti ? diteloci : che  noi  in  ogni  guiʃa

  lo uogliam ʃapere . Ma mentre chel  frate  con alcune  ʃue

  fauole cercaua di  ʃcuʃarʃi col Signore, et di naʃcondergli la

  uerita; gli altri del conuento, che la nouella inteʃa haueua=

  no, uollero la ʃepoltura aprire, et mirarui dentro, per ue=

  der di ʃaper quel , che i due frati la paʃʃata  notte  ʃopra ui

  faceuano. Et apertala, et il corpo del morto amante dentro

  trouatoui, di ʃubito con rumore grandiʃsimo al Signor, che

  anchora col frate parlaua fu detto, come nella ʃepoltura de

  Cappelletti , ʃopra laqual la notte il  frate era  stato  colto,

  giaceua morto Romeo  Montecchi . Queo parue a ciaʃcu=

  no  quaʃi  impoʃsibile, et ʃomma  marauiglia a tutti appor=

  tò : ilche udendo frate Lorenzo, et conoʃcendo  non  potere

  piu naʃcondere quel , che diʃideraua  di  celare; ginocchione

  dinanzi al Signor pooʃi diʃʃe : Perdonatemi Signor mio;  ʃe

  a uoi la bugia di quel, che mi richiedee io diʃsi. che ciò non

  feci per malitia, ne per guadagno alcuno : ma per  ʃeruare  la

  promeʃʃa fede a due miʃeri et morti amanti da me data: et coʃi

  tutta la paʃʃata hioria fu aretto preʃente molti a raccontarli.

  Bartholomeo dalla  Scala  queo udendo  da  gran pieta qua=

  ʃi  moʃʃo a piagnere uolle i morti corpi  egli eʃʃo uedere : et

  con grandiʃsima quantita di popolo al ʃepolchro ʃe ne uenne:

  et trattone i due amanti nella chieʃa di  ʃan  Franceʃco ʃopra

  due tapeti  gli fece porre . In queo  tempo i  padri loro nel=

  la detta  chieʃa  uennero ; et  ʃopra i lor morti figliuoli  pia=

  gnendo  da  doppia  pieta uinti , auenga che  nimici foßero,

  s’abbracciorono  in modo ; che la  lunga  nimià tra eʃsi et

  tralle lor caʃe ata; et  che ne  prieghi d’amici , ne minac=

  cie di Signore , ne  danni riceuuti , nel tempo  haueua mai

  potuta einguere; per la  miʃera  et pietoʃa morte di  que=

  i amanti   hebbe  fine .  Et  ordinato  un bel  monimento ;

  ʃopra il qual la cagion della lor morte  ʃcolpita  foʃʃe ; gli

  due amanti con  pompa grandiʃʃima et ʃolenne dal Signo=

  re , et da lor parenti , et da tutta la citta pianti, et accom=

  pagnati ʃepelliti furono.

 

                                          I L   F I N E.

 

                 S T A M P A T A   I N   V E N E T I A

                 Per Franceʃco Marcolini del meʃe di

                      Ottobre nell’Anno del Signore.

                                  M    D    XXXIX.

 

 

<21r> || <Cvr>

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

<21v> || <Cvv>

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

<22r> || <Cvir>

 

 

<22v> || <Cviv>

 

23<r> || <Cviir>

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

<23v> || <Cviiv>

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

24<r> || <Cviiir>

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

<24v> || <Cviiiv>

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

giadriʃʃima

25<r> || D <ir>

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

<25v> || <Div>

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

26<r> || Dii<r>

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

<26v> || <Diiv>

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

ϵ7<r> || Diii<r>

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

<27v> || <Diiiv>

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

28<r> || Diiii<r>

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

<28v> || <Diiiiv>

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

29<r> || <Dvr>

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

<29v> || <Dvv>

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

30<r> || <Dvir>

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

<30v> || <Dviv>

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

31<r> || <Dviir>

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

<31v> || <Dviiv>

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

32<r> || <Dviiir>

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

<32v> || <Dviiiv>

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

frate

33<r> || E<ir>

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

<33v> || <Eiv>

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

34<r> || E ii<r>

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

<34v> || <Eiiv>

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

35<r> || Eiii<r>

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

<35v> || <Eiiiv>

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

36<r> || Eiiii<r>

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

<36v> || <Eiiiiv>

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

37<r> || <Evr>

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

<37v> || <Evv>

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

38<r> || <Evir>

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

<38v> || <Eviv>