previous arrow
next arrow
Slider

Skenè Research Centre

Interdisciplinary Theatre and Drama Studies

Assimilated by the moderns to the stage, in ancient times the skenè (σκηνή) is the backdrop, initially a painted canvas, against which the characters act and speak. Connoted not only visually but also ritually, it alludes to the offstage – both behind or extra-scenic – as well as to other actions and other times, and is the mirror that reverberates the actors’ words to the audience.

La scena (σκηνή) è dove stanno gli attori . . . Ha tre porte: quella centrale, sia di una reggia o di spelonca o di casa, è destinata al protagonista; quella di destra è del secondo attore; quella di sinistra, vuota o occupata da un sacello, non è attiva. Nella tragedia da quella di destra passano gli stranieri, e quella a sinistra è una prigione.

Pollux, Onomasticon 4.124-5

La tragedia non consente di rappresentare molteplici azioni contemporanee, cioè così come accadono, ma solo quella che coinvolge gli attori presenti in scena (σκηνή).

Aristotle, Poetics 1459b23-6

News

Close Menu
en_GBEnglish
it_ITItalian en_GBEnglish